Si allungano i tempi per i lavori della Casa della carità

A spiegarlo monsignor Franco Lovignana. Per la struttura che conterrà tutti i servizi Caritas resta l'incognita dei tempi, che dipendono dalla fine degli interventi archeologici. "Spiace perché è opera sociale importante - ha detto il vescovo -. Non è però venuto meno nessun servizio".
Società

I tempi per la conclusione dei lavori della Casa della carità – la ristrutturazione completa della ex Prevostura della Cattedrale di Aosta che conterrà in un unico luogo una serie di servizi offerti dalla Caritas diocesana, dall’accoglienza, al Centro di ascolto e la mensa – si dilatano. ma, soprattutto, restano incerti.

A spiegarlo, a margine della conferenza stampa di presentazione della Lettera pastorale, il vescovo di Aosta, monsignor Franco Lovignana.

“È una domanda che mi fa vergognare – ha spiegato -. I lavori procedono estremamente a rilento. Una delle motivazioni, senza fare nessuna polemica, sono i ritrovamenti archeologici che stanno dilatando i tempi. Adesso, per quelli interni, dovremmo essere alla fine. Ma ci sono anche quelli esterni che non dipendono da noi e da oltre un anno e bloccata la via (di fronte al palazzo del vescovado, ndr.)”.

Sui tempi resta l’incognita: “Adesso timidamente stanno ripartendo ma non sappiamo quando finiranno – aggiunge il vescovo -, dato che impediscono il posizionamento dei ponteggi e la sistemazione dell’ala sud della Casa della carità. I lavori procedono a rilento, non abbiamo una data. Avevo sperato che San Grato di quest’anno potesse essere la data dell’inaugurazione, ora spero in quello dell’anno prossimo”.

“Spiace perché è opera sociale importante – dice ancora Lovignana -. Non è però venuto meno nessun servizio Caritas, c’è tutto. Ad ogni modo è chiaro che nella casa della carità ci sarebbe stata la possibilità di averli tutti raccolti assieme e in una situazione dignitosa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte