Valpelline, 1 milione di euro per mettere in sicurezza un tratto della strada regionale

Il progetto prevede, a partire dal 2023, la realizzazione di barriere paramassi ad alto assorbimento di energia, a protezione della viabilità di un tratto della regionale 28 della Valpelline, in passato interessato da alcuni crolli, dei quali l’ultimo nella primavera 2020.
Immagine di archivio - I lavori della variante di Valpelline
Società

Saranno finanziate per intero dallo Stato le barriere paramassi che verranno realizzate tra le Località Thoules e Prelè in Comune di Valpelline, a protezione di un tratto della strada regionale. Il progetto definito per la realizzazione delle opere di mitigazione è stato approvato ieri dalla Giunta regionale.

“Il progetto   sottolinea l’Assessore alle Opere pubbliche Carlo Marzi- prevede, a partire dal 2023, la realizzazione di barriere paramassi ad alto assorbimento di energia, a protezione della viabilità di un tratto della regionale 28 della Valpelline, in passato interessato da alcuni crolli, dei quali l’ultimo nella primavera 2020. L’intervento si inserisce in un più ampio programma in corso di mitigazione del rischio sulle strade regionali nella Valpelline: è in fase di completamento l’intervento a monte della regionale 17 in Comune di Roisan e nel corso del prossimo anno saranno installate barriere a protezione del tratto della regionale 28 in Località Gran Comba, sempre in comune di Valpelline”.

L’intervento, dell’importo totale di 955 mila euro, è inserito tra quelli finanziati dal Ministero per la Transizione Ecologica per la realizzazione di opere di mitigazione del rischio idrogeologico che per la Regione autonoma Valle d’Aosta, per l’annualità 2022, prevede uno stanziamento di fondi per complessivi 5 milioni 340 mila 988 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte