Via Carlo Alberto dalla Chiesa, il figlio Nando: “Cosi si dà senso alla memoria di mio padre”

Cerimonia questa mattina di intitolazione di Via Carlo Alberto dalla Chiesa, la nuova strada aostana che collega Via 1°Maggio a Via Grand Eyvia.
Società

“Questo riconoscimento ha un significato forte, e che lo abbia ancora oggi, dopo poco più di 31 anni dalla sua morte, significa dare un senso alla memoria di mio padre, agli insegnamenti di chi si è battuto e continua a far sentire il senso dello Stato”.
Così Nando Dalla Chiesa, noto politico e scrittore italiano, interviene alla cerimonia di intitolazione di Via Carlo Alberto dalla Chiesa, la nuova strada aostana che collega Via 1°Maggio a Via Grand Eyvia, alla memoria del grande padre.
Una strada che vuole omaggiare la fondamentale figura del Generale dei Carabinieri dalla Chiesa, brutalmente ucciso in un efferato agguato mafioso il 3 settembre 1982 in Via Carini, a Palermo.
Una strada che collega una parte all’altra di Aosta e che comprende, oltre al tratto stradale tout court di circa 900 metri, la risistemazione dell’Officina Comunale, l’illuminazione pubblica tramite LED e impianto fotovoltaico, un nuovo tratto di pista ciclabile, la sistemazione del verde pubblico con impianti di irrigazione e la realizzazione di una rotonda che ricorda ed omaggia l’impianto funiviario originario Aosta – Pila.

Una serie di lavori, ultimati definitivamente nell’agosto di quest’anno e dal costo complessivo di poco più di 2 milioni e 564mila euro, che aprono un nuovo collegamento nel capoluogo regionale e che prendono il nome del Generale Dalla Chiesa grazie alla proposta avanzata all’amministrazione nell’aprile 2011dall’associazione ‘Libera Valle d’Aosta’.
“Questa strada vuole esaltare l’esempio del generale – spiega il Vicesindaco e assessore comunale ai Lavori Pubblici Alberto Follien – e ogni volta che si parlerà di questa strada si darà forma alla memoria di Carlo Alberto Dalla Chiesa”.
Una intitolazione importante – alla presenza delle Forze dell’Ordine, del Sindaco di Corleone Leoluchina Savona e dei figli del Generale Nando e Simona – testimoniata anche dalla deposizione di una corona celebrativa e che crea un saldo legame tra la città e l’eroico Carabiniere che smantellò le Brigate Rosse.: “Aosta era particolarmente cara a mio padre – racconta infatti Nando dalla Chiesa – che nel 1973 fu Comandante della regione militare di Nord-Ovest, quindi con giurisdizione anche ad Aosta, città che amava anche dal punto di vista estetico. È davvero molto bello che gli sia stato dedicato un pezzo della città”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte