Delusione azzurra nella staffetta mista dei Mondiali di biathlon

Dopo i recenti podi di Coppa del Mondo c'erano speranze di medaglia a Nove Mesto, ma Bionaz ("una giornata da dimenticare"), Giacomel, Wierer e Vittozzi chiudono decimi. Oro alla Francia.
Didier Bionaz
Sport

I podi delle ultime staffette miste – ultimo il secondo posto di Anterselva due settimane fa – avevano fatto sperare l’Italia del biathlon di iniziare i Mondiali di Nove Mesto, in Repubblica Ceca, con una medaglia. Un sogno che si è subito spento dopo la prima frazione, quella di Didier Bionaz, che è incappato in una giornata-no proprio nel momento sbagliato. Alla fine gli azzurri – Didier Bionaz, Tommaso Giacomel, Dorothea Wierer, Lisa Vittozzi – chiudono al 10° posto, distantissimi dalle zone che contano.

Una giornata nera“, dice Didier Bionaz alla FISI, “ero partito abbastanza deciso. Nel tiro in piedi non so cosa sia successo, ma è una giornata da dimenticare. Sugli sci non mi sono sentito neppure male, ma quando è così è difficile arrivare in fondo”.

Il valdostano al lancio era parso pimpante sugli sci tenendo la testa, ma già dal primo poligono (tre errori e 19° posto) si è capito che sarebbe servito un miracolo. Dopo il secondo – in cui Bionaz ha dovuto affrontare due giri di penalità – neanche quello sarebbe bastato: l’alpino dà il cambio a Giacomel in 23ª posizione, a 2’06”2 dalla vetta. L’azzurro sembra anche lui vittima della maledizione e va al cambio con Dorothea Wierer 20° (+3’05”6) dopo un giro di penalità. L’altoatesina riesce a guadagnare diverse posizioni e cede il testimone a Vittozzi, che risale fino al decimo posto.

L’oro va alla Francia, seguita da Norvegia e Svezia.

Qui la classifica.

3 risposte

  1. Assolutamente no! Sono sicura della LORO delusione! Ma allora il titolo avrebbe dovuto essere “Azzurri delusi per la staffetta… “. L’italiano una lingua piena di sfumature. Saluti.

  2. “Delusione” è un termine che andrebbe abolito dai commenti sportivi… soprattutto per determinati sport in cui il sacrificio e la dedizione sono ancora dei valori…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte