Sport di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 1 Dicembre 2019 10:33

Federica Brignone seconda nel Gigante di Killington vinto da Marta Bassino

Aosta - Seconda manche da incorniciare per Federica Brignone che ha registrato il miglior tempo di gara, 26 i centesimi di distacco da Bassino.

Federica Brignone

Storica doppietta italiana nel gigante femminile di Killington. Sul gradino più alto del podio sale, per la prima volta, Marta Bassino (1:38.19). A festeggiare con la compagna di squadra c’è Federica Brignone (1:38.45) che torna sul podio, nella sua seconda gara di stagione. Terza l’atleta di casa Mikaela Shiffrin (1:38.48).

Seconda manche da incorniciare per Federica Brignone che ha registrato il miglior tempo di gara, 26 i centesimi di distacco da Bassino. La valdostana aveva concluso la prima manche al settimo posto (49.64), con un distacco di 59 centesimi da Bassino.

“Oggi finalmente sono riuscita a fare tutto in modo deciso, probabilmente era proprio dalla gara disputata qui a Killington lo scorso anno che non ci riuscivo.  – ha detto Brignone al termine della gara  – Nella prima manche sono scesa correttamente, ma ricamavo invece invece di attaccare, nella seconda mi sono scatenata, spingendo di cattiveria. Ultimamente sto sciando molto bene e in gara non ero ancora riuscita a farlo, la gente sulle tribune ci ha dato grande carica, tifano per tutti e non pensano alla bandiera di appartenenza. La partenza abbassata forse mi ha penalizzato, perché si trattava della parte più ripida, però è andata così e non ci possiamo fare niente. E’ un podio che mi può dare la carica giusta, ci riproverò domenica in slalom, anche se con obiettivi diversi, diciamo che ovviamente punto a entrare nella seconda manche, l’importante stavolta era tirare fuori ciò che possiedo”.

Brignone ha voluto dedicare il podio di oggi a “Edoardo, un amico di La Thuile morto nelle scorse ore sotto una valanga sul Monte Bianco, il mio pensiero va a lui”. 
Le altre azzurre a punti oggi: Sofia Goggia 11esima, Francesca Marsaglia 24esimama, Laura Pirovano 30esima.

 

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>