Sport di Orlando Bonserio |

Ultima modifica: 27 Luglio 2021 15:15

Giuditta Turini domina anche la Orobie Skyraid

Aosta - Stato di forma fenomenale per la gressonara, che vince la gara da 56 km con 3800 m D+ con quasi un’ora di vantaggio sulle inseguitrici.

Giuditta Turini vince la Orobie Skyraid – Foto @ Maurizio TorriGiuditta Turini vince la Orobie Skyraid – Foto @ Maurizio Torri

Con Franco Collé fermato da un problema ad un tendine d’Achille, a tenere alto il nome della Valle d’Aosta nelle gare di corsa in montagna è, ancora una volta, Giuditta Turini, in uno stato di forma fenomenale.

La gressonara si è rivelata imbattibile anche nella Orobie Skyraid, tornata in auge dopo uno stop di otto anni con diversi cambiamenti: 56 km con 3800 metri di dislivello, con partenza da Ardesio ed arrivo a Valbordone, in provincia di Bergamo, toccando i rifugi Laghi Gemelli, Calvi, Brunore e Coca, oltre al Passo Valsecca.

Più di 600 gli iscritti, per una gara che può diventare una classica e che ha visto il trionfo di Luca Arrigoni in 7h11’18”, distanziando nettamente Francesco Lorenzi (7h46’25”) e Luca Carrara (7h59’06”). Anche quello di Giuditta Turini è stato uno strapotere: la valdostana ha chiuso in 8h36’11” (al 14° posto assoluto), distanziando di quasi un’ora le altre due donne sul podio femminile, Daniela Rota, seconda in 9h20’09”, e Giulia Zanotti, terza in 9h25’25”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo