Pellegrino 20°nella Final Climb sul Cermis. De Fabiani cade e finisce 49°

Nella Final Climb di questo pomeriggio, lungo la terribile scalata del Cermis, Federico Pellegrino è giunto a 1’22” dal vincitore Sjur Roethe, chiudendo al 20° posto di giornata e al 27° del Tour de Ski, mentre Francesco De Fabiani è caduto di nuovo, come ieri, giungendo 49° a 3’11”, per un 25° posto finale, sommando per l’appunto i due tempi.
Final Climb Cermis Val di Fiemme
Sport

Non ha portato benissimo ai due valdostani dello sci di fondo la doppia gara italiana del Tour de Ski, in Val di Fiemme. Nella Final Climb di questo pomeriggio, lungo la terribile scalata del Cermis, Federico Pellegrino è giunto a 1’22” dal vincitore Sjur Roethe, chiudendo al 20° posto di giornata e al 27° del Tour de Ski, mentre Francesco De Fabiani è caduto di nuovo, come ieri, giungendo 49° a 3’11”, per un 25° posto finale.

“L’anno scorso l’ho affrontata con l’incoscienza della prima volta” – ha commentato Federico Pellegrino – e non sapevo cosa aspettarmi ed era andata piuttosto bene. Oggi sapevo cosa mi attendeva, ho cercato di gestire bene le mie forze dopo lo sprint di ieri in cui ho cercato di portare a casa i due punticini per la posizione di oggi. Oggi c’è stato un po’ di confusione allo stadio, prima di incolonnarci in discesa prima del Cermis dove, a sprazzi, ho cercato di tenere il ritmo per terminare in una buona posizione. Anche oggi il cuore ha battuto forte quindi vuol dire che con l’intensità anche il fisico risponde: avanti così”

E’ sembrato un po’ più scoraggiato, invece, Francesco De Fabiani. “Ieri è stata una caduta sfortunata, in cui non c’entravo, mentre oggi invece è tutta colpa mia. Non so nemmeno bene perché son caduto, forse dopo la gara di ieri su cui puntavo tanto, ero un po’ scosso, meno concentrato. Ho chiuso in una maniera inaspettata perché, dopo esser arrivato in top six per tre volte di seguito, due cadute non fanno bene nemmeno al morale. So che la forma c’è ed è la cosa più importante. Mi spiace di aver coinvolto nella caduta di oggi Yakimushkin”.

Nel complesso delle due gare, Johannes Klaebo, come da pronostico, è riuscito vincere il suo secondo Tour de Ski. Il norvegese oggi partiva con 2’ di vantaggio sul russo Alexander Bolshunov. Il suo trionfo nella tournée gli consente anche di consolidarsi alla testa della classifica generale di Coppa del mondo con 1183 punti contro gli 815 proprio di Bolshunov.

A punti anche Giandomenico Salvadori, 29esimo, mentre si sono dovuti accontentare della 33esima posizione Paolo Ventura e della 36esima Martin Coradazzi.

Prossimo appuntamento con la Coppa del mondo di sci di fondo venerdì 14 gennaio con le sprint a Les Rousses (Fra).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati