Trofeo Città di Aosta, il Il Ristorante Pizzeria Moderno vince la VI Edizione – FOTO & VIDEO

Il Moderno si impone 3 a 1, dopo una finale tra i “pro” tirata, contro i campioni in carica del Bar Narbonne, ex Bar Giovanni. Negli “amatori” trionfo senza appello del Café de la Place che sconfigge con un sonoro 7 a 2 la Grotta Azzurra/Bar Challand.
Il Ristorante Pizzeria Moderno, campioni 'pro' del VI Trofeo Città di Aosta
Sport

Il Ristorante Pizzeria Moderno è campione. La finale ‘pro’ del VI Trofeo Città di Aosta, in realtà, era scritta nel destino: da una parte il Bar Narbonne/Café du Mont, campioni nelle edizioni 2013 e 2014, dall’altra il Moderno, vincitore di due edizioni negli ultimi 4 anni.

Come prevedibile non è mancato certo lo spettacolo, tra due squadre che si conoscono a memoria. In una prima frazione di gioco tesa, tirata, è il Bar Narbonne a portarsi in vantaggio riuscendo a ‘imballare’ le trame del Moderno, che fa un po’ fatica ad uscire in maniera fluida dalla stretta delle maglie blu di Ceccato e soci. Serve un colpo, per rovesciare la partita, che arriva come un fulmine a ciel sereno proprio un secondo prima che si chiuda il primo tempo, con una zampata di Rodrigo De Lima che batte un incolpevole Alex Erba. Da lì il Moderno cresce esponenzialmente, e comincia a fare sua la partita, occupando benissimo gli spazi ed alzando il ritmo. Il Bar Narbonne accusa, non riesce mai a mettere in difficoltà Giuseppe Monteleone – l’estremo difensore ‘rosa’, premiato anche come miglior portiere per la categoria ‘pro’ – e alla fine capitola. La punizione di de Lima, di nuovo lui, inchioda su punizione il Narbonne che non riesce più a reagire, e da lì a poco incassa anche il terzo gol.

A senso unico, invece, la finale della categoria ‘amatori’. Ad alzare il trofeo è il Café de la Place che spinge subito sull’acceleratore portandosi sul 2 a 0 secco nei confronti di una sperduta Grotta Azzurra/Bar Challand. Squadra tenace, però, che nel momento di maggiore difficoltà si rifà sotto, 2 a 2 in pochi minuti e tutto da rifare. Alla fine però è il Café de la Place a esondare, più fresco e dinamico, e a seppellire gli avversari con un 7 a 2 finale che non lascia spazio a recriminazioni.

Entusiasta e senza parole il ‘patron’ della kermesse Walter Pizzurro che, prima della premiazione si limita, oltre ai ringraziamenti di default, ad un semplicissimo “Che spettacolo”. E soddisfatto anche l’assessore comunale allo Sport Carlo Marzi, per il quale: “Quest’anno siamo riusciti, con gli sforzi di tutti, a rinnovare qualcosa che andava avanti da cinque anni, con una forte partecipazione e con la parte musicale che ha fatto sì che questo weekend memorabile sia stato possibile”. 

Ecco la gallery fotografica delle due finali e il video integrale della finalissima

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati