Trofeo Topolino 2015, è iniziato il conto alla rovescia: attese 255 squadre e 3700 atleti

"Il Trofeo ha svoltato ed è diventato grande", spiega Renzo Bionaz, presidente del Comitato organizzatore. "I semi gettati nelle prime tre edizioni hanno dato i loro frutti".
Trofeo Topolino Calcio
Sport

A un mese e mezzo dall’inizio del Trofeo Topolino Calcio – Valle d’Aosta 2015, il 99% delle squadre che parteciperanno, i campi che ospiteranno gli incontri e le strutture alberghiere dove alloggeranno i calciatori, i tecnici e i dirigenti è stato definito.
“Posso con tranquillità affermare – chiosa Renzo Bionaz, presidente del Comitato organizzatore – che il Trofeo Topolino Calcio ha svoltato ed è diventato ‘grande’. I semi gettati nelle prime tre edizioni hanno dato i loro frutti e, al momento, la manifestazione si alimenta – a livello di partecipazione – in maniera autonoma. Abbiamo già chiuso le iscrizioni, supereremo le 250 squadre e, probabile, raggiungeremo i 3700 atleti partecipanti; abbiamo ricevuto moltissime proposte di collaborazione; sono tante le figure interessate a far parte del torneo, nelle forme più disparate. Siamo certi di aver lavorato nella giusta direzione e il favore del
quale godiamo nel mondo del calcio giovanile ci fa enormemente piacere.”

“Stiamo ancora pensando – prosegue Renzo Bionaz – all’organizzazione della serata d’inaugurazione nel Villaggio Topolino. Molte idee e altrettante proposte, che stiamo valutando; per certo ci sarà l’esibizione dei giovanissimi della corale di Gressan, bambini e
bambine che non superano i 12 anni e che nel il concerto di venerdì 12 giugno sfoggeranno, per la prima volta, la nuova divisa, donata dal Comitato organizzatore del Topolino Calcio.”

Manifestazione che aumenta nei numeri, pur rinunciando alla categoria Giovanissimi. “A oggi, l’edizione 2015 del Trofeo Topolino – sottolinea Massimo Capussotto, responsabile tecnico del torneo – è in pratica definita. Al computo totale mancano soltanto un
paio di squadre e sono molte quelle che rimarranno ‘in panchina’; quest’anno non avremo i Giovanissimi, categoria composta da ragazzi impegnati con gli esami di terza media. In campo avremo gli Esordienti (anni 2002 e 2003), i Pulcini (2004, 2005 e 2006), i Piccoli Amici (2007 e 2008); per il secondo anno organizziamo il torneo di Calcio a 5, Pulcini e Esordienti.”

“L’aspetto positivo – conclude Massimo Capussotto – è il rinnovamento delle squadre iscritte: parecchie società, dopo tre edizioni, hanno deciso di non aderire alla quarta; per contro, abbiamo ricevuto tantissime richieste da club che mai hanno calcato l’erba del
Topolino CAlcio. Trattative molto avviate le abbiamo con quattro squadre statunitensi; avremo ancora il Portogallo e gli Sloveni, con la grande novità dell’iscrizione di formazioni dalla Guadalupe. Positiva anche l’espansione delle regioni italiane interessate: quest’anno
allarghiamo gli orizzonti a Sicilia, Calabria e Lazio.”

Come per l’edizione precedente, gli organizzatori hanno optato per il ‘numero chiuso’ di formazioni partecipanti: “L’idea, come per lo scorso anno – puntualizza Loris Chabod, direttore tecnico del Topolino Calcio – è di non superare le 250 squadre, numero che ci
permettere di gestire in maniera ottimale tutti gli aspetti del torneo. Adesso siamo a quota 255, centrando l’obiettivo prefissato. Sono tante le squadre iscritte nei Piccoli Amici, e di questo siamo soddisfatti perché è l’intento originale e sul quale deve puntare la nostra manifestazione. Stiamo lavorando sul torneo di Calcio a 5 e, a giugno, avremo in campo 16 squadre; la grande novità, nel pomeriggio di sabato 13, è rappresentata dal primo Topolino al femminile, al quale parteciperanno 12 squadre.”

Un torneo che abbraccia l’intera Valle d’Aosta, da Courmayeur a Hône, che dal 12 al 14 giugno riempirà i campi sportivi di 28 comuni.
“Con l’aumentare del numero delle squadre – precisa Mauro ‘Ciuri’ Grange, responsabile logistico dei campi del Topolino Calcio – incrementeranno anche i comuni e le strutture sportive interessate. Per l’edizione 2015 si aggiungeranno gli impianti di Doues e Saint-Oyen, mentre non sarà utilizzato il campo di Sarre. In tutti i centri interessati dal torneo l’organizzazione è collaudata; abbiamo analizzato e trovato le soluzioni ai problemi sorti nel corso delle precedenti edizioni e a livello logistico siamo pronti a far giocare e far divertire i tanti giovani calciatori iscritti.” 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati