Sci, Monterosa Ski non aumenta i prezzi degli skipass

Ad annunciarlo è la stessa società, spiegando come la scelta sia legata ai buoni risultati conseguiti nell'estate 2022, + 7% di fatturato, all'atteso ritorno dei flussi turistici dall’estero, ma anche al dynamic pricing, il prezzo dinamico, sperimentato con successo nell'ultimo anno. 
Monterosa Ski
Turismo

Prezzi degli skipass invariati rispetto alla scorsa stagione invernale nel comprensorio del Monterosa Ski. Ad annunciarlo è la stessa società, spiegando come la scelta sia legata ai buoni risultati conseguiti nell’estate 2022, + 7% di fatturato, all’atteso ritorno dei flussi turistici dall’estero, ma anche al dynamic pricing, il prezzo dinamico, sperimentato con successo nell’ultimo anno.

“I dati positivi dell’estate, unitamente all’auspicato ritorno degli stranieri, non più limitati dalle norme di contenimento della pandemia della passata stagione, ci fanno sperare in un inverno di rilancio. Per questo vogliamo andare incontro ai nostri utenti, agevolandoli con il ritorno del prezzo dinamico attraverso, sostanzialmente, la formula del prima acquisti e meno paghi – conferma Daniel Grosjacques, direttore amministrativo di Monterosa SPA.

Nel dettaglio, lo skipass giornaliero per le 3 valli (Champoluc-Frachey, Gressoney-La-Trinité e Alagna) andrà da un minimo di 38 euro ad un massimo di 60 euro. Nel caso si scegliesse la formula freeride all’atto dell’acquisto, che include anche la salita al ghiacciaio di Punta Indren, l’incremento dello skipass è di 2 euro (40 euro minimo e 62 euro massimo). Se, invece, si vorrà comprare la singola salita a Punta Indren, l’integrazione giornaliera sarà di 8 euro.

La stagione 2022/2023 inizierà il 2 dicembre e proseguirà fino al 16 aprile. Neve permettendo, l’apertura sarà anticipata agli ultimi due weekend di novembre. Lo stagionale viene proposto a 940 euro (980 nella formula FREERIDE).
“Le vendite di giornalieri e stagionali inizieranno a metà ottobre sul nostro portale  e ovviamente i primi a prenotare riusciranno ad assicurarsi i prezzi più bassi. Con l’avvicinarsi dell’alta stagione, i prezzi ovviamente cambieranno e aumenteranno”, annuncia Grosjacques.

Il prezzo dinamico  – prima acquisti e meno paghi  – è nato da uno studio effettuato in collaborazione con l’Università della Valle d’Aosta, con cui sono stati analizzati i dati delle ultime tre stagioni per avere una fotografia precisa della clientela del comprensorio.

Nelle stazioni satellite di Monterosa Ski, Alpe di Mera, Antagnod, Brusson, Champorcher e Gressoney-Saint-Jean, si è invece optato per due fasce di prezzo fisse, divise tra giorni feriali e festivi: il giornaliero per Antagnod, Brusson e Gressoney-Saint-Jean varierà da un minimo di 25 euro per i giorni feriali ad un massimo di 31 euro per i festivi. Per Champorcher da 26 euro (feriali) a 33 euro (festivi). Per Alpe di Mera da 28 euro (feriali) ad un massimo di 38 euro (festivi), se acquistati on line. Anche nel caso delle stazioni minori del comprensorio non sono aumentati i prezzi degli stagionali: Antagnod, Brusson e Gressoney-Saint Jean a 449 euro – Champorcher 559 euro – Alpe di Mera 600 euro.

“Il fatto che dinamiche siano diventate anche le tariffe degli skipass non è altro che la conferma dell’adeguarsi ad un metodo che favorisce il contenimento dell’overtourism in alta stagione, portando ad una destagionalizzazione più omogenea”, conferma Grosjacques.

Per la stagione 2022 Monterosa Ski ha messo in campo investimenti per le attività straordinarie di 6.630.000 euro di cui: 4.388.000 euro per gli impianti di risalita; 1.167.000 euro per l’innevamento e 1.075.000 € per la sistemazione delle piste e degli immobili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Turismo
Turismo

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte