Pista ciclabile: necessario considerare anche il benessere delle imprese

Confcommercio Vda propone di realizzare un parcheggio interrato nella zona del Puchoz per sopperire alla mancanza di parcheggi.
pista ciclabile
ASCOM Aosta Informa

ASCOM AOSTA INFORMA

La futura ciclabile della città dà di fatto il via ad una grande riforma del traffico veicolare e pedonale.

La nostra Associazione pur apprezzando le nuove sfide per cercare di migliorare e rendere “green” la nostra città chiede vengano approfonditi alcuni temi chiave indispensabili per il benessere delle nostre imprese.

L’avvio del procedimento della ciclabile implicherà la riduzione di parcheggi e di alcuni dehors delle attività nelle zone di interesse e coinvolte da questa “riforma green”. Tali scelte vanno però analizzate e approfondite. Chiediamo un giusto monitoraggio al fine di evitare dei danni economici alle imprese e la conseguente desertificazione delle vie secondarie al centro storico.

La nostra associazione apprezza le scelte del Comune ma necessitiamo di altrettante soluzioni concrete per rendere migliorabile tale decisione. La realizzazione di un parcheggio multipiano interrato nella zona del Puchoz potrebbe rappresentare una valida soluzione per sopperire alla mancanza di parcheggi già fortemente carenti nella zona est della città come già sottolineato lo scorso anno attraverso nostre considerazioni al Comune.

Siamo in sintonia rispetto alle sfide dell’Amministrazione Comunale rivolte a migliorare Aosta ma le attività che rappresentiamo necessitano di avere nuove opportunità. Visti i cambiamenti in atto è necessario trovare valide soluzioni per il futuro delle imprese che non compromettano equilibri già precari.

4 risposte

  1. Non mi è chiaro il binomio “auto = affari per i commercianti”.
    Io, come tantissimi, mi sposto in bici o a piedi per andare ad acquistare in centro. Le poche volte che ho preso la macchina sono dovuto tornare a casa per la disperazione.
    I turisti girano tutti a piedi dopo aver lasciato le auto in periferia.
    Mi pare che i signori dell’ASCOM siano rimasti a una logica anni ’60.
    Senza contare che ad Aosta, come inizi a scavare, saltano fuori reperti storici come funghi: figuriamoci un pluripiano interrato che cosa fprodurrebbe!

  2. Aosta si attraversa a piedi in 15/20 minuti. Quasi troppo piccola per muoversi in bici 😉
    Fare parcheggi in centro città è una idea che appartiene al secolo scorso… non si devono più attirare le auto in centro, i parcheggi si vanno fatti ma all esterno (zona funivia Pila, Ospedale,…). Una città più vivibile, pedonale, silenziosa attirerà ancora più turisti e il beneficio sarà per tutti, commercianti in primis.

  3. Tranquilli, se andate a vedere il progetto vi rendete conto che si tratta di una finta pista ciclabile e che non darà nessun fastidio alle automobili che hanno deturpato la qualità di vita della città.

  4. Ridicola la richiesta di un parcheggio pluripiano al Puchoz, quando a 300mt in linea d’aria esiste un parcheggio pluripiano quasi sempre vuoto davanti alla Cogne . L’ ottusità di tale richiesta è in antitesi con lo sviluppo green di una piccola città come Aosta. Le auto dovrebbero sparire dal centro. Invito il signore in questione a farsi un giretto nelle città del nord europa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
ASCOM Aosta Informa