casseDrôle di Francesco Corniolo |

Ultima modifica: 22 Novembre 2019 17:19

Agnello in umido con olive e pinoli

Aosta - Carne tenera e gustosa per il pranzo di famiglia

Agnello in umido con olive e pinoliAgnello in umido con olive e pinoli

La carne di agnello, da molti ignorata per via di quel gusto particolare, potremmo dire un po’ sarvadzo, che attacca i nostri palati, ormai disabituati quasi completamente alla selvaggina; se cucinata come si deve, questa carne bianca sprigiona aromi e sapori inconfondibili, caratteristici e lussuriosi. Questa ricetta andrà bene per avvicinarsi a questi tipi di carni ma piacerà molto anche a coloro i quali già le degustano con grande piacere.

Ingredienti per 4 persone

1 Kg di agnello a pezzi

1 cipolla bianca

200 ml di vino rosso

200 ml di vino bianco

200 ml di acqua

80 gr di pinoli

100 gr di olive taggiasche denocciolate

Sale, olio evo e pepe nero

Inizierete con l’arroventare un padella d’acciaio per poi farvi rosolare i pezzi di agnello privi di qualsiasi condimento, finché non avranno raggiunto una colorazione dorata tendente al marrone. Terminata la rosolatura aggiungerete i pinoli, che avranno così modo di tostarsi nel grasso ceduto dalla carne; questa operazione vi prenderà pochi minuti.

Dovrete togliere sia la carne che i pinoli dalla padella e riservarli in un piatto, lasciando riposare. Nella medesima pentola aggiungerete un paio di cucchiai di olio evo e farete soffriggere a fuoco lento, la cipolla tagliata in piccoli cubetti, quando questa risulterà ben dorata potrete aggiungere nuovamente la carne e i pinoli, mischiando il tutto.

Aumenterete la fiamma al massimo e lascerete che la padella riprenda calore per poi versarvi i liquidi: prima il vino bianco, poi quello rosso e infine l’acqua; quando i liquidi avranno preso bollore dovrete abbassare l’intensità del fuoco e lasciar sobbollire per due ore.

Trascorse le due ore, durante le quali avrete avuta cura di girare i tagli di carne almeno un volta alla mezz’ora, potrete aggiungere le olive. Queste vengono aggiunte successivamente per evitare che rilascino troppo sapore, nel sugo che andrà a formarsi e pure per evitare che si spappolino, dovranno essere intere, visibili e degustatili al momento del servizio.

Aggiunte le olive terminerete la cottura in forno, a 180 gradi, per ancora un’ora.

Questo  piatto risulterà assai sugoso quindi lo vedrei bene servito vicino ad una polenta fumante!

Buon appetito a tutti e ricordate sempre che il cibo è vita quindi meglio sia buono!

 

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>