Il commosso ultimo saluto a Pierantonio Genestrone

Presidente onorario di “Confcommercio VdA” per quasi 40 anni nonché presidente della “Chambre valdôtaine”, l’uomo si è spento all’interno dell’Hospice dell’Ospedale Beauregard all’età di 78 anni.
I funerali di Pierantonio Genestrone
En souvenir

Una folla mesta e commossa si è ritrovata sul sagrato della chiesa di Maria Immacolata di Aosta, nella mattinata di oggi, venerdì 18 novembre, per porgere l’ultimo saluto a Pierantonio Genestrone. Presidente onorario di “Confcommercio VdA” per quasi 40 anni nonché presidente della “Chambre valdôtaine”, l’uomo si è spento all’interno dell’Hospice dell’Ospedale Beauregard all’età di 78 anni a causa di una malattia da poco diagnosticata che non gli ha voluto lasciare scampo. Nei giorni passati, la personalità dalle mille sfaccettature dell’imprenditore, politico, commerciante e appassionato sportivo aostano era stata ricordata da amici, colleghi, successori e istituzioni locali.

I funerali di Pierantonio Genestrone
I funerali di Pierantonio Genestrone

“Qualità e altruismo”

Durante la sua omelia, il parroco Glabas Padre Grzegorz Piotr ha voluto anzitutto sottolineare la numerosa presenza riunitasi nella parrocchia e il rispettoso silenzio con il quale essa di apprestava a dire addio al proprio caro, per la vita e l’anima del quale egli ha poi ringraziato Dio e i cieli che lo hanno accolto.

“So che molti di voi contavano sulla qualità e l’altruismo di Pierantonio, andando a rispecchiarsi con gioia e fiducia nel suo talento e nella sua sicurezza di uomo capace e sapiente che sapeva agire per realizzare ciò che per lui era importante – sono state le parole dell’uomo -. Oltre al solido e costante impegno nel compiere ciò che nasceva dalla sua incrollabile volontà e il suo oculato giudizio, vi erano momenti della sua esistenza che egli condivideva in maniera più intima con famiglia e amici più stretti, attimi preziosi che aiuteranno coloro che gli erano maggiormente vicini a rammentare per sempre lui e i grandi insegnamenti che egli ha voluto trasmettere”.

L’ultimo saluto
L’ultimo saluto

“Una doppia voce”

Durante le esequie non sono mancate, accanto a qualche lacrima, anche parole di dolore ed emozione per la perdita di Pierantonio Genestrone.

“Nell’attimo sofferente del distacco è normale trovarsi a porsi domande o a dare adito a preoccupazioni che tuttavia non devono far rischiare di perdere la via segnata dalla verità di Dio, che ci aiuta a percorrere quella mesta strada del lutto generando nuovi rapporti più forti della morte stessa che ci accompagnino sino a ritrovare la vita eterna nella beatitudine cieli e negli affettuosi ricordi dei propri cari – ha proseguito ancora il parroco Glabas Padre Grzegorz Piotr -. Saremo felici di onorare il nostro fratello, sempre felice di condividere le proprie conoscenze e la propria bravura per il bene degli altri, non soltanto nella nostra preghiera qui in chiesa e nel nostro privato ma anche portando avanti quei progetti e quelle iniziative che per lui sono stati importanti al fine di ritrovare relazioni e amore nei luoghi della nostra quotidianità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte