En souvenir di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 1 Aprile 2020 14:42

Valtournenche piange l’albergatrice Daniela Maquignaz

Valtournenche - Con il marito Ugo, ha acquistato, ristrutturato e gestito l’hotel Cime bianche, nella gestione del quale sono subentrati figli, nipoti e - ora - anche i pronipoti.

daniela maquignazdaniela maquignaz

E’ stata la prima Dama Bianca del paese. Valtournenche piange l’albergatrice Daniela Maquignaz, 95 anni. La donna, figlia della guida alpina Camillo Maquignaz e nipote della grande guida alpina Daniel Maquignaz (famiglia dei Pantén, originari di Crépin).

“Daniel  – ricorda una nota – ha contribuito alla storia dell’alpinismo con grandi imprese che hanno dato lustro alle guide del Cervino: ricordiamo la conquista della Dent du Géant”.

Pioniera di Breuil-Cervinia, Daniela ha iniziato la sua vita lavorativa tra gli alpeggi di famiglia. Come tutti, all’epoca. È passata alla gestione di un negozio e poi di un bar. Con il marito Ugo, ha acquistato, ristrutturato e gestito l’hotel Cime bianche, nella gestione del quale sono subentrati figli, nipoti e – ora – anche i pronipoti.

Il Comune di Valtournenche le dedica queste parole “e, non essendovi la possibilità di celebrare il suo rito funebre, invita tutti a rivolgerle un pensiero di saluto”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo