Guzzi V100 Mandello Aviazione Navale, la moto ispirata ai caccia F35

Un giusto ed equilibrato mix tra la sportività di una Roadster e il confort di una Tourer adatta a lunghe percorrenze. La V100 Mandello sarà costruita in soli 1913 esemplari.
Guzzi V100 Mandello Aviazione Navale
Gioie e Motori

È proprio vero che una grande storia prevede progresso ma anche cerchi che si chiudono, per poi dare vita ad altri passaggi. Guzzi completa ora un cerchio, con la V100 Mandello Aviazione Navale. Tutto torna e si tiene. L’aquila è il simbolo della Casa, dalla sua fondazione nel 1921.

Carlo Guzzi era un meccanico della Marina, il suo socio Giorgio Parodi era un militare e Giovanni Ravelli era un valente aviatore, morto in un incidente aereo, due anni prima che la Moto Guzzi prendesse forma, appunto, da Guzzi e Parodi. Un omaggio ad un amico fraterno, allora, e un omaggio oggi al settore avio della Marina Militare, istituito nel 1913.

La V100 Mandello sarà infatti costruita in soli 1913 esemplari, la sua livrea è ispirata al caccia F – 35 B, le insegne della Marina compaiono su entrambi i lati del cupolino, le tipiche strisce jet intake segnalano le prese d’aria dei jet e una coccarda tricolore a bassa visibilità campeggia sul serbatoio.

Non solo, il vernissage è avvenuto sulla portaerei Cavour, ammiraglia della flotta della Marina, il cui logo è impresso sulla carena della moto. Michele Colaninno, CEO della Piaggio cui la Guzzi fa capo, guarda alla nuova nata come viatico per i prossimi cento anni del marchio. E ne ha ben donde.

Per ideare la moto, i progettisti sono partiti dal classico foglio bianco e hanno dato libero sfogo alla loro inventiva. Come potremmo definirla? Un giusto ed equilibrato mix tra la sportività di una Roadster e il confort di una Tourer adatta a lunghe percorrenze.

La V100 Mandello dispone di un’aerodinamica molto sofisticata e avanzata, con i flap di derivazione aerea, la piattaforma inerziale a sei assi e le sospensioni a controllo elettronico. In più, un sensore che rileva la pressione delle gomme e le manopole riscaldabili. Il nuovo motore Compact Block, anch’esso originale per le soluzioni tecniche adottate, fa della V100 Mandello la macchina più potente di Guzzi. I dati parlano da soli. Bicilindrico a V trasversale di novanta gradi, con raffreddamento a liquido, quattro valvole per cilindro, 115 cavalli e soprattutto una coppia motrice pari a 105 Nm, con una ripresa disponibile all’ottantadue per cento già a 3.500 giri al minuto. Prezzo da euro 15.499.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Gioie e Motori
Gioie e Motori
Gioie e Motori

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte