Hyundai Bayon, il “SUV Urban” nato per la città

Come Kona poteva sembrare la sorella minore di Tucson, così Bayon appare la sorellina delle due. Detta così, però, non si rende onore a proposte dotate di una loro personalità. E con un motore attento ai consumi.
Hyundai Bayon
Gioie e Motori

Dopo avere inserito in catalogo Kona, Hyundai prosegue nel presidio del segmento SUV presentando Bayon, in omaggio, pare, alla città francese di Bayonne. Come Kona poteva sembrare la sorella minore di Tucson, così Bayon appare la sorellina delle due. Detta così, però, non si rende onore a proposte dotate di una loro personalità.

Bayon va a implementare la gamma con un SUV Urban che cerca di compendiare il comfort con un utilizzo a pieno titolo in città. Le dimensioni giocano a favore – lunghezza 4.18 metri, larghezza 1.78 – ed esprimono la compattezza che si rileva già ad un primo sguardo. Le linee sono sobrie, senza slanci inutili ma con alcune nervature che spezzano una paventata scolasticità. Il profilo a cuneo fa il resto, dando un’impressione di profondità, mentre i cerchi da 16” o 17” e il tetto a contrasto forniscono un accenno di sportività.

Il design a freccia è un leitmotiv che si ritrova nei proiettori anteriori, accompagnati dalle sottili luci di posizione, nonché nei gruppi ottici posteriori. Gli interni sono confortevoli, con la chicca dell’ambient light sempre a LED. Il digital cluster da 10”25 e il display touchscreen da 10”25 con funzione split screen per Apple CarPlay e AndroidAuto costituiscono un infotainment interessante, senza dimenticare la connettività Bluelink e l’esperienza sound regalata dall’impianto audio Bose Premium.

La sicurezza è garantita da alcuni dispositivi come il Lane Following Assist, volto al mantenimento corsia, il Navigation-Based Smart Cruise Control per la gestione dei limiti di velocità e l’Assistenza Anticollusione Frontale per la frenata automatica. Inedito il propulsore T-GDi 1.0 litri a benzina, assistito dall’elettrico da 48V in funzione Mild Hybrid, con potenza pari a 100 cavalli, una velocità massima di 183 chilometri orari, e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 10”7.

Un motore attento ai consumi – siamo intorno ai venti chilometri con un litro dichiarati – e alle emissioni, contenute in 118/125 g/km. La trasmissione è proposta manuale a sei marce o DCT a sette. In alternativa, il benzina 1.2 litri da 84 cavalli. Due gli allestimenti: “XLine”, che presenta comunque dotazioni superiori ad un classico modello base, e “XClass”, con equipaggiamento più cospicuo. Prezzi da euro 19.400.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Gioie e Motori