Gioie e Motori di Enrico Formento Dojot |

Ultima modifica: 16 Marzo 2021 9:25

Versatilità e funzionalità per la nuova Grand Cherokee

Aosta - Rispetto della tradizione (sette milioni di esemplari venduti in tutto il mondo) unita a prestazioni stradali di livello, nuovi design e architetture.

Grand CherokeeGrand Cherokee

La Grand Cherokee vuole fare l’europea. Un cambiamento di strategia epocale, per un marchio che, peraltro, già vede la Compass costruita a Melfi. È uno degli effetti a lungo termine del matrimonio con la Fiat, ma sicuramente anche una strategia, appunto, studiata per imporre su mercati diversi da quello americano un modello iconico che resiste dal 1992 e raggiunge la quinta generazione. Christian Meunier, Global President Jeep Brand, presentando il modello “L” a sette posti, destinato agli Stati Uniti, ha sintetizzato compiutamente le qualità del Grand Cherokee 2021. Rispetto della tradizione (sette milioni di esemplari venduti in tutto il mondo) unita a prestazioni stradali di livello, nuovi design e architetture, puntando su due principi fondanti: versatilità e funzionalità.

La tradizione a stelle e strisce vuole che l’esordio tocchi per prima alla “L”, che denota icasticamente la nuova frontiera. Le forme sono imponenti, con una lunghezza superiore ai fatidici cinque metri – 5.20 per la precisione – e con un passo interessante di 3.09 metri, il design ammorbidisce la ruvidezza avvolgendola con temi gentili, arrotondati, con proiettori a LED sottili anche se un po’ squadrati, occhiolino allo stile prediletto nel nostro continente.

Non possono mancare cromature generose e la classica calandra a sette fessure. Parti come il cofano e il posteriore sono in alluminio e magnesio, per motivi di riduzione dei pesi. Il telaio è assolutamente originale e costituisce uno iato rispetto alle versioni precedenti. È monoscocca a sospensioni indipendenti Quadra – Lift, provviste di un dispositivo che ottimizza la guida fuori strada. Le modalità di guida sono cinque, a seconda del tipo di percorso. Quattro gli allestimenti: Laredo, Limited, Overland, Summit.

I motori sono il Pentastar a sei cilindri da 3.6 litri per 294 cavalli e il monstre otto cilindri da 5.7 litri per 362 cavalli: c’è di che divertirsi. La ricerca di appagamento dei gusti della clientela al di là dell’Atlantico non si ferma a qualche accenno sul look. C’è molto di più. Ad iniziare dalla piattaforma, che è la medesima della Alfa Romeo Stelvio, per proseguire negli interni, che rasentano il lusso per la comodità e l’utilizzo di materiali di pregio, compresa la pelle.

Chi occupa la seconda e anche la terza fila non ha problemi di spazio e i sedili sono ripiegabili elettricamente. L’infotainment non è da meno, con un display touch da 10”1, che gestisce il nuovo sistema avanzato UConnect, fiore all’occhiello FCA. La sicurezza è garantita, tra gli altri, dalla guida autonoma di livello 2. Sul mercato europeo, Grand Cherokee sarà offerta a partire dall’autunno nella versione a cinque posti: i motori saranno i predetti Pentastar a sei cilindri e l’otto cilindri, cui sarà affiancato l’ibrido plug – in 4xe.
Prezzi dichiarati a partire da 60.000 euro.

Enrico Formento Dojot

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo