Elezioni Regionali Valle D’Aosta 2020 di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 1 Settembre 2020 9:57

Regionali, Valle d’Aosta Futura si presenta: “Visione per andare al di là dei paradigmi della politica”

Charvensod - “Le nostre parole chiave sono due: quotidianità e visione - ha spiegato Edoardo Artari -. Vogliamo affrontare i problemi subito, in modo concreto, ma vogliamo anche avere una visione a medio e a lungo termine che ci sembra si sia persa”.

I candidati alle Regionali della lista Valle d'Aosta FuturaI candidati alle Regionali della lista Valle d'Aosta Futura

“Le nostre parole chiave sono due: quotidianità e visione. Vogliamo affrontare i problemi subito, in modo concreto, ma vogliamo anche avere una visione a medio e a lungo termine che ci sembra si sia persa”.

Le parole sono quelle di Edoardo Artari, imprenditore di Morgex e tra i fondatori di Valle d’Aosta Futura che oggi – lunedì 31 agosto – si presenta ufficialmente sulla scena, dando il via alla sua campagna elettorale verso le Elezioni Regionali del 20 e 21 settembre.

Accanto a sé Artari, candidato nella lista, ha un gruppo eterogeneo o, per dirlo con le parole di Adriana Viérin, che non è tra i candidati e che introduce la presentazione della lista, “nessun professionista della politica ma persone con una reale competenza nei propri campi e che vogliono lavorare concretamente per i cittadini. Un progetto che ha debuttato il 17 giugno, per il desiderio di andare al di là degli schemi e di cambiare i paradigmi della politica”.

Il programma

Diversi i punti toccati durante l’incontro odierno. Artari va a volo d’uccello tra i temi: “Abbiamo un patrimonio di borghi abbandonati e immaginiamo di poterne finanziare il recupero, che è una vera ricchezza, riqualificandoli senza toccare un valore assoluto come il suolo nuovo. Abbiamo coniato il termine ‘Green Valley’ perché viviamo in uno dei posti più belli che ci siano, e vorremmo che i consorzi ed i piccoli produttori si uniscano, assieme al comparto pubblico, per essere più forti assieme e fare sistema, perché agricoltura e turismo non possono lavorare a comparti stagni”.

Chiamata all’unità che investe in toto il turismo: “Visto che molte attività in Valle sono piccole – prosegue l’imprenditore di Morgex – immaginiamo delle realtà che si uniscano per vendere un prodotto insieme, con visione e idee di marketing, come la costruzione di in ‘booking centralizzato che metta assieme alberghi, bed and breakfast e chambres d’hôtes. Perché in un mondo ‘glocal’ se non ci si riunisce non si va avanti avanti”.

Spazio anche ad una mobilità nuova, da sviluppare sfruttando anche i fondi strutturali europei, la sicurezza, e un paio di argomenti “spinosi”, a partire dal Casinò: “Non ci sono soluzioni – aggiunge Artari -, la governance deve rimanere nelle mani della nostra Regione. Bisogna seguire il Concordato, avere un occhio di riguardo per i lavoratori, ma dare tutto in mano a persone che sappiano fare loro lavoro”.

Tema caldo, come quello legato alla Compagnia valdostana delle acque: “Non aver quotato l’Azienda mantenendo comunque la governance regionale ha portato un danno di circa 200 milioni – prosegue Artari -, ovvero quanto ci costerebbe un ospedale nuovo. Se non facciamo qualcosa domani nel 2029 non avremo più niente, le concessioni torneranno a Roma e qualcuno potrà comprarla al miglior prezzo. Ci batteremo per Cva, perché si parla di economicità della nostra terra e non a caso mettiamo il tema del lavoro sopra tutto quanto”.

Sulla Sanità interviene invece il candidato Gianmario Governato, Medico psicoterapeuta: “Il Covid ha messo in luce fragilità e debolezze del Sistema sanitario e non certo da parte degli operatori. La Medicina di territorio si è mostrata debole mentre avrebbe potuto fare da filtro sul numero di degenze in ospedale. Noi andiamo a proporre la visione di una medicina che possa guardare all’uomo a 360 gradi, fattibile integrando la medicina officiale, che rimane il primo grande riferimento, con gli usi della medicina antica e delle tradizioni, che sono tecniche alternative di grande supporto ai percorsi di benessere che vanno creati”.

Di istruzione parla invece Franca Fabrizio, dirigente scolastica in pensione e anch’ella in lista per le Regionali: “È la base di una società fatta di cittadini consapevoli, e che può portare ad una economia di innovazione, con tecnologie moderne, attenzione all’ambiente e tutela della salute. La scuola deve aprirsi al territorio, per una vera Educazione ecologica da proporre sin dalla più tenera età. Serve attenzione alle strutture scolastiche per evitare le criticità e rivitalizzare l’Educazione civica, portando i ragazzi dove la vita sociale e politica si sviluppa, nei Consigli comunali ed in quello regionale, per poter riflettere, sviluppare delle proposte ed un senso di attaccamento e civico”.

Ma non solo: “La dispersione scolastica è inquietante – aggiunge Fabrizio -, va fermata e vanno recuperati i ragazzi che abbandonano. Si può intervenire con le cooperative e attraverso il Fondo sociale europeo, convogliando le energie creative ed il talento permettendo loro di rientrare nel mondo scolastico o in quello della formazione”.

I candidati

Samira Mohamed Muftah Abodaber (mediatrice culturale), Sydney Actis (osteopata), Sara Alì (titolare di un Centro di Yoga e di Pratiche Energetiche), Edoardo Artari (imprenditore), Leonard Bardhoku (imprenditore lattiero-caseario), Jean-François Didier Branche (imprenditore), Liliana Breuvé (imprenditrice), Cinzia Maria Callipari (funzionario regionale presso la Sezione di controllo della Corte dei Conti), Andreina Casalini (impiegata e titolare di maneggio), Carlo De Amici (creativo e pubblicitario), Luigi Alberto Davide De Franco (agente di assicurazioni), Franca Fabrizio (dirigente scolastica), Federico Alessandro Frassy (Consulente Senior per Università e Società di Servizi Ambientali), Gianmario Governato (psicoterapeuta), Fabio Impieri (laureando in giurisprudenza), Ugo Lini (dipendente regionale Centro Agricoltura sperimentale di Saint-Marcel), Daniela Macori (coordinatrice pedagogica), Veronica Menegatti (avvocata), Gabriella Poliani (dipendente regionale, esperta delle Politiche del lavoro), Mauro Salmin (imprenditore), Giancarlo Telloli (insegnante e direttore musicale) e Maria Cristina Vasini (impiegata).

La presentazione di Valle d'Aosta Futura
La presentazione di Valle d’Aosta Futura

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo