“La montagna in arte” con le opere di Siro Viérin ed Eleusi

A partire da venerdì 8 luglio, il Castello di Bosses ospiterà la mostra "La montagna in arte". Protagonisti del percorso espositivo saranno i lavori di Siro Viérin, scultore valdostano, e del giovane artista Ludovico Crétier, in arte Eleusi, che animeranno la stanze della fortezza medievale fino al 28 agosto.
Saint Rhemy en Bosses

Sarà inaugurata venerdì 8 luglio alle ore 18.30 al Castello di Bosses, la mostra “La montagna in arte”, evento organizzato con il sostegno del Consiglio Valle e del Comune di Saint-Rhémy-en-Bosses, in collaborazione con SRB Energie, a cui parteciperà il Vicepresidente del Consiglio regionale Aurelio Marguerettaz. Il percorso espositivo, con la sua formula ormai consolidata, affianca uno scultore affermato della tradizione valdostana a un artista emergente. Quest’anno, saranno Siro Viérin e Ludovico Crétier, in arte Eleusi, ad animare le stanze della fortezza medievale, luogo simbolo della Valle del Gran San Bernardo in cui la promozione della cultura si sposa con la valorizzazione del territorio.

La mostra, a ingresso libero, sarà visitabile dall’ 8 luglio al 28 agosto 2022 con i seguenti orari: da martedì a venerdì dalle ore 15 alle 19, sabato e domenica dalle ore 10 alle 12 e dalle 15 alle 19.

Siro Viérin

Nato ad Aosta nel 1959, scultore professionista da oltre 45 anni, vive e lavora a Saint-Oyen. Oltre alle principali fiere di artigianato regionali, ha partecipato a numerose mostre personali in Valle d’Aosta e all’estero. Alcune delle sue opere hanno trovato collocazione in prestigiose pubblicazioni di arte. Una delle sue attività più originali è quella della mostra a cielo aperto che, attualmente, conta circa 400 sculture di piccole e grandi dimensioni, disseminate lungo il percorso che da Vetan giunge al rifugio del Mont Fallère.   

Ludovico Eleusi Crétier

Nasce ad Aosta nel 2002. Da sempre appassionato di immagine, nello specifico, il mondo di illustrazione e fumetto, dal 2019 è attivo nel campo dell’autoproduzione: dal fumetto “Tre giorni”, alla sua versione illustrata della fiaba “Barbablù” fino al progetto in serigrafia “Carteles”, oltre alle numerose collaborazioni per vinili, musicassette e capi di abbigliamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.