“Le plaisir de découvrir”, due appuntamenti alla scoperta dei borghi di Arvier e Leverogne

La Biblioteca e la Pro Loco di Arvier hanno organizzato due serate - il 14 ed il 21 luglio - con l’archeologa Cinzia Joris, per immergersi in un inedito racconto del paese tra le tracce del passato e le sfide - il Bando Borghi del Pnnr su tutte - del futuro.
ARVIER CASTELLO LA MOTHE

Leggere la storia, l’evoluzione e il futuro di un paese camminando nei suoi borghi, raccontando il legame che unisce territorio, architettura e persone, questo è l’obiettivo di Le plaisir de découvrir – Alla scoperta del Comune di Arvier, le due serate organizzate dalla Biblioteca e dalla Pro Loco del paese il 14 e il 21 luglio per scoprire rispettivamente i borghi di Arvier e Leverogne.

Ad accompagnare i partecipanti sarà Cinzia Joris, che unirà le sue esperienze come archeologa e viaggiatrice per scoprire come dall’incontro del territorio e della sua morfologia con i diversi periodi storici possano nascere borghi con caratteristiche uniche e in costante evoluzione, che comunicano con il contesto che li circonda in un dialogo senza sosta.

Oltre agli approfondimenti dedicati al Castello di la Mothe e alla Chiesa di Arvier, i due appuntamenti si configurano come un viaggio nella storia che comprenderà anche la visita inedita ai recenti ritrovamenti dell’ultimo tratto di strada romana che attraversava Leverogne.

Le due serate saranno anche l’opportunità per immaginarne il futuro del paese grazie ai fondi del Bando Borghi del Pnrr, che il Comune di Arvier si è aggiudicato recentemente con il progetto Agile Arvier.

Al termine delle visite, per ricordare anche il Cinquantennale della Doc dell’Enfer di Arvier, si terrà un momento degustazione.

Le plaisir de découvrir - Alla scoperta del Comune di Arvier
Le plaisir de découvrir – Alla scoperta del Comune di Arvier

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.