L’11 e 13 settembre riprendono i trattamenti contro la processionaria a Sarre e Saint-Pierre

A renderlo noto è l’Assessorato all’Agricoltura. L’insetticida impiegato non è tossico per l’uomo né per gli animali, ma potrebbe essere leggermente irritante per la pelle e gli occhi. Per questo sarà vietato l’accesso alle zone trattate per 48 ore.
Comuni

Da lunedì 11 e giovedì 13 settembre il personale del Corpo forestale della Valle d’Aosta – in collaborazione con l’Ufficio Servizi fitosanitari del Dipartimento Agricoltura –, procederà a trattare con un insetticida biologico a base di Bacillus thuringiensis subspecie Kurstaki le fasce boscate maggiormente colpite da processionaria del pino nei Comuni di Sarre e Saint-Pierre.

A renderlo noto è l’Assessorato all’Agricoltura. Il trattamento – si legge – sarà effettuato per mezzo di un cantiere semovente con un apposito atomizzatore ad alta gettata che percorrerà le strade adiacenti alle zone di intervento.

L’insetticida impiegato non è tossico per l’uomo né per gli animali e ha – dicono ancora dalla Regione – un bassissimo impatto ambientale, ma potrebbe risultare leggermente irritante per la pelle e moderatamente irritante per gli occhi. Per questo motivo, a scopo precauzionale, sarà vietato l’accesso alle zone trattate per 48 ore. Gli addetti al cantiere provvederanno ad apporre cartelli di avviso in loco.

Per facilitare le operazioni e ridurre i rischi di incidente, le strade interessate potranno essere momentaneamente chiuse per il tempo necessario allo svolgimento dei lavori. Le operazioni inizieranno sempre nel tardo pomeriggio – dopo le 16 – perché il Bacillus thuringiensis si degrada rapidamente alla luce del sole.

“Grazie ai ripetuti trattamenti posti in essere a partire dal 2016 la presenza di questo patogeno è stata fortemente limitata, sia nella sua estensione sia per la quantità di danni provocati – spiega l’assessore Marco Carrel –. Tuttavia, è opportuno proseguire con le azioni di contrasto al fine di evitare eventuali riprese di intensità a danno delle nostre aree boscate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte