Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 5 Maggio 2021 15:26

Abuso d’ufficio sul padiglione di Nus, il pm chiede 10 mesi di carcere per il Sindaco

Aosta - Il primo cittadino Camillo Rosset è anche imputato, assieme al segretario comunale Ubaldo Cerisey, per false attestazioni su una dozzina di deliberazioni: per tale accusa gli imputati hanno chiesto di patteggiare.

Padiglione ContozIl padiglione "La dolce vita" (foto da Facebook).

Si avvicina alla sentenza il processo che vede imputati il sindaco di Nus Camillo Rosset e il segretario comunale Ubaldo Cerisey per gli atti amministrativi adottati dal Comune tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 riguardo al padiglione “La dolce vita”. All’udienza di oggi, mercoledì 5 maggio, gli imputati hanno chiesto di patteggiare 6 mesi di reclusione (con sospensione condizionale) per l’accusa di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale, che li riguarda entrambi.

Rispetto all’imputazione di abuso d’ufficio, mossa al solo Rosset, la scelta difensiva è caduta sul rito abbreviato, discusso dalle parti. Il pm Luca Ceccanti ha chiesto al Gup del Tribunale una condanna a 10 mesi per il Sindaco, mentre la sua difesa (gli avvocati Stefano Moniotto e Davide Rossi) ha invocato l’assoluzione. L’udienza è stata aggiornata al prossimo 24 maggio, per eventuali repliche e controrepliche. In quella data sono quindi attesi sia l’applicazione delle pene concordate, sia la sentenza sull’altra accusa.

Secondo l’accusa (ad indagare erano stati i Carabinieri della locale stazione), in due diverse occasioni Rosset, malgrado vi fosse tenuto dal vincolo di parentela con il proprietario della struttura (suo cugino, Paolo Contoz, non implicato nella vicenda giudiziaria), non si era astenuto nella votazione di due delibere riguardanti termini di utilizzo del padiglione. In un caso, nella lettura inquirente, l’atto riconosceva una “riduzione non consentita” del canone Cosap e, nell’altro (in cui il voto di Rosset risultò determinante per l’approvazione), prolungava la gestione “per attività commerciale” del tendone. Per la Procura, in ognuna delle due occasioni si è concretizzato un “ingiusto vantaggio patrimoniale” riconosciuto dal Sindaco a Contoz, alla base dell’accusa di abuso d’ufficio.

L’ipotesi di falso in concorso tra Rosset e Cerisey (il secondo è assistito dall’avvocato Corrado Bellora), invece, si riferisce alle attestazioni rese su dodici atti approvati in due riunioni di giunta, a fine 2019. Per la Procura, all’adozione di quattro delibere risultano presenti il segretario ed un assessore comunale, quando entrambi sarebbero stati assenti (e anche la data indicata sarebbe posticcia, giacché la riunione avrebbe avuto luogo, in realtà, il giorno dopo). In altre otto, il Segretario appare presente, ma per i Carabinieri la circostanza era “integralmente falsa”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo