Arrestati i due torinesi per furto aggravato

Nella loro auto, una Fiat Bravo vecchio modello, i carabinieri hanno trovato 42 magliette Lacoste, due paia di pantaloni, un abito da signora e un paio di scarpe. Un bottino dal valore di circa 5 mila euro.
Vittoria Carella
Cronaca
La tecnica era sempre la stessa. Lei entrava in negozio, distraeva la commessa, mentre il figlio ripuliva gli scaffali. Con l’accusa di furto pluriaggravato sono finiti in manette: Vittoria Carella, 59 anni e il figlio Gianpiero Giagnotti, 36 anni, entrambi di Torino. I due, sono stati arrestati dai Carabinieri di Châtillon/Saint-Vincent, ieri pomeriggio, martedì 27 maggio. Nella loro auto, una Fiat Bravo vecchio modello, i carabinieri hanno trovato 42 magliette Lacoste, due paia di pantaloni, un abito da signora e un paio di scarpe. Un bottino dal valore di circa 5 mila euro.
A fregarli è stato il campanello della porta del negozio Jory Sport a Saint-Vincent. Vittoria Carella era al piano di sopra del negozio, con la commessa, mentre il figlio entrava e usciva dal negozio rubando un totale di 31 magliette. E’ stato proprio il campanello della porta a fare sospettare la commessa, che ha guardato di sotto e ha visto lo scaffale vuoto. La donna ha così immediatamente chiamato i Carabineri. Madre e figlio sono così stati fermati. I due hanno provato a negare, dicendo che non avevano nulla. Infatti, l’auto era posteggiata poco più in là in un parcheggio. Ma quando i Carabinieri sono riusciti a rintracciare la Fiat Bravo, nel bagagliaio e dietro i sedili hanno trovato la refurtiva. I due si erano introdotti anche in altri negozi di Saint-Vincent e Pont-Saint-Martin. Per Gianpiero Giagnotti e Vittoria Carella si sono così aperte le porte del carcere.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca