Cento studenti in piazza contro le riforme del Governo

Il Collettivo valdostano si è unito ai collettivi studenteschi di tutta Italia che oggi sono scesi in piazza per dar voce al malcontento legato alle ultime riforme varate dal Governo nel campo dell’istruzione.
La protesta in piazza Chanouux contro la riforma Gelmini
Cronaca
Anche gli studenti valdostani hanno aderito alla protesta contro le riforme del Ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini. A scendere in piazza sono stati questa mattina circa un centinaio di ragazzi guidati dal Collettivo Studentesco Valdostano. Il corteo è partito dal parco della stazione di Aosta. Agli slogan già noti in precedenti proteste rivolte all’attuale Governo e alle scelte operate “Noi la crisi non la paghiamo” si sono uniti nuovi striscioni legati agli ultimi tagli al mondo della scuola: “Gelmini, Tremonti, con voi faremo i conti".
Il Collettivo valdostano, che si unito alle decine di collettivi studenteschi che oggi hanno deciso di far sentire la propria voce scendendo nelle piazze italiane, è convinto che le ultime riforme varate danneggieranno ulteriormente la scuola pubblica “che già presenta già gravi carenze" fanno sapere "I tagli all'organico sono giustificati da un fantomatico aumento della selezione e della qualità del corpo docenti, l'accesso sempre più limitato ad un livello alto di istruzione viene spacciato per meritocrazia".
Una rappresentanza del Collettivo ha infine incontrato la sovrintendente agli Studi, Patrizia Bongiovanni, per conoscere le modalità di applicazione della riforma in Valle d'Aosta.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca