Coronavirus, registrato un nuovo decesso in Valle d’Aosta

L'ultimo bollettino diffuso dalla Regione con dati Usl segnala, inoltre, come i ricoveri siano scesi a 20: 19 nei reparti Covid e uno in terapia intensiva. 
Foto Pixabay
Cronaca

Salgono a 481 i morti per Covid-19 in Valle d’Aosta, registrati dall’inizio della Pandemia. Nelle ultime 24 ore è deceduta una donna di 86 anni, ricoverata in ospedale.

L’ultimo bollettino diffuso dalla Regione con dati Usl segnala, inoltre, come i ricoveri siano scesi a 20: 19 nei reparti Covid e uno in terapia intensiva. 

I positivi attuali nella nostra regione sono oggi 763.

Aggiornamento sulle quarantene Covid-19 nelle scuole della Valle d’Aosta 

Secondo la Regione, nell’ultima settimana (da sabato 27 novembre fino a questa mattina) risultano 34 nuove classi poste in quarantena e 20 nuove classi in sorveglianza sanitaria attiva con tamponi antigenici.

L’andamento della Pandemia in Valle d’Aosta da 1° novembre a venerdì 3 dicembre

Ecco nuovamente, come promesso, ad occuparci della “quarta ondata” della pandemia considerando uno spettro temporale più ampio rispetto al “classico” bollettino quotidiano, per analizzare la tendenza e lo sviluppo delle curve, anche grazie al raffronto con il passato.

L’impennata dei contagi registrata nell’ultima settimana, insieme alla tendenza opposta verificatasi nello stesso periodo dello scorso anno (grazie all’istituzione del coprifuoco e delle zone gialle, arancioni e rosse dal 6 novembre 2020) ha portato ad un “incrocio” delle due curve, con le cifre giornaliere che per il 2021 (in giallo) sono tornate a superare quelle del 2020 ( in blu).

Nella settimana dal 26 novembre al 2 dicembre nella nostra regione, considerata a rischio moderato dal monitoraggio della Cabina di regia, sono stati registrati 309 casi per 100.000 abitanti. L’indice RT puntuale è di 2.16, attualmente il più alto d’Italia.

Covid in Valle dAosta Positivi
Covid in Valle dAosta Positivi

 

La tendenza è simile nell’andamento, ma non in termini di “intensità”, anche per le persone ospedalizzate che un anno fa scendevano in maniera costante, da inizio novembre, mentre oggi salgono, seppur in maniera molto contenuta, passando da 5 a 24 (oggi) nel giro di un mese. Restano molto ampie e distanze a conferma che la situazione è sotto controllo ma in peggioramento.

Covid in Valle dAosta Ospedalizzati
Covid in Valle dAosta Ospedalizzati

 

Molto più “piatta” (e rassicurante), è la tendenza del grafico riguardante l’occupazione del reparto di terapia intensiva. Se nel 2020 i posti occupati erano molti, con una cifra sempre compresa tra 12 e 17, anche considerando le dimensioni ridotte del reparto del Parini di Aosta, oggi l’incidenza di questo dato è molto bassa, con 2 persone ricoverate (ad oggi).

Covid in Valle d'Aosta - Terapia Intensiva
Covid in Valle d’Aosta – Terapia Intensiva

 

Una situazione pressoché identica è rintracciabile nel confronto dell’andamento dei decessi per lo stesso periodo. Nel 2020, lo stesso periodo fu davvero nefasto, con un 154 decessi contro i 6 del 2021, registrati nello stesso periodo.

Covid in Valle dAosta Decessi
Covid in Valle d’Aosta – Confronto Decessi 2020-2021

3 risposte

  1. Se anche tutti i deceduti, infettati o ricoverati di quest’anno fossero stati vaccinati con sestupla dose carpiata, questo non impedirebbe di dimostrare l’assoluta efficacia dei vaccini e l’assurdità di coloro che continuano a negarla.

  2. Buonasera.
    Apprezzo molto il vostro sistema di pubblicazione dei dati COVID.
    Riterrei, però, importante approfondire alcuni dati. Ad es.: quanti, tra i nuovi contagiati, erano già stati vaccinati? E con quante dosi?
    Qual’é l’età dei deceduti?
    Stranamente i media trascurano tali dati.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca
Sanità