Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 29 Marzo 2021 18:02

Covid, festa di laurea con i “botti” a Valsavarenche: 11 sanzioni

Aosta - La violazione è solo una di quelle rilevate negli ultimi giorni dai Carabinieri del Gruppo Aosta, che hanno intensificato i controlli sulle misure di contenimento della pandemia, con l’approssimarsi del passaggio in “zona rossa”.

Carabinieri posto di bloccoCarabinieri (foto d'archivio).

Con lo scattare della “zona rossa”, e delle disposizioni regionali che l’hanno preceduta, i Carabinieri del Gruppo Aosta hanno intensificato, negli ultimi giorni, i controlli sul rispetto delle restrizioni per il contenimento della pandemia da Covid-19. Le violazioni non sono mancate e hanno riguardato vari profili delle misure introdotte per limitare il contagio.

In alta valle, a Courmayeur, 15 persone sono state trovate all’interno di una abitazione privata: alcune di loro erano intente a festeggiare il compleanno di un amico. Nel corso del fine settimana, invece, per tre locali (a Saint-Pierre, Châtillon e Verrès) è scattata la sanzione amministrativa da 400 euro per non aver rispettato le norme vigenti, che consentivano solo l’asporto o la consegna a domicilio, mentre degli avventori sono stati trovati all’interno.

A Valsavarenche, poi, i militari sono intervenuti trovandosi dinanzi ad un gruppo di 11 persone, nel pieno dei festeggiamenti della laurea di un componente del gruppo. L’aver scelto una località di montagna, tutto sommato remota, avrebbe anche contribuito a celare la violazione, se non fosse che ad un certo punto le celebrazioni hanno visto l’esplosione di petardi, che hanno immancabilmente richiamato l’attenzione sulla festicciola.

Quando non si sono trovati dinanzi a infrazioni conclamate, i Carabinieri hanno poi dovuto fare i conti con le giustificazioni addotte dai proprietari di seconde case non residenti nella regione per raggiungerle (nonostante il divieto specifico in essere al momento), alcune delle quali ritenute invero fantasiose. Si va – fanno sapere dall’Arma – dalla convocazione di un figlio minorenne da parte dello sci-club, con seguito costituito dalla famiglia al completo, agli interventi di ristrutturazione, per i quali la ditta selezionata avrebbe lavorato dal venerdì pomeriggio al lunedì mattina.

Dall’inizio della pandemia, i Carabinieri in Valle d’Aosta hanno controllato circa 47mila persone, elevando 1.000 sanzioni; 8.500, invece, i controlli sugli esercizi pubblici, con sanzioni per 43. Nell’ultima settimana, i militari hanno fermato 2.000 persone (multandone 35) e verificato 360 locali pubblici, di cui 3 sanzionati e segnalati alle autorità competenti per gli eventuali ulteriori provvedimenti di competenza.

Jeep Carabinieri
Carabinieri (foto d’archivio).

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo