Cronaca di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 13 Dicembre 2019 11:43

Inchiesta Egomnia, il politico che non piaceva all”Ndrangheta

Aosta - In una intercettazione telefonica Antonio Raso si lamenta di Alberto Bertin, passando poi alle minacce: "…finché qualcuno non gli fa “i mussi” tanti  (lo picchia in faccia ndr).. e ti dirò qualcuno gli farà i “mussi” tanti, perché è già sul pelo del rasoio…"

Alberto BertinConsiglio Regionale del 12 giugno 2019

Che la Valle d’Aosta fosse indicata, da alcuni politici locali come luogo di infiltrazione della criminalità organizzata di origine calabrese, non piaceva ai presunti appartenenti alla “locale”.

Nelle 243 pagine di annotazioni depositate dal pm Valerio Longi viene ricordato di quando Antonio Raso, fra gli imputati nell’inchiesta Geenna  e considerato dalla Dda di Torino uno dei componenti di primo piano del locale, si lamenta, in particolare, di un consigliere regionale “verosimilmente Alberto Bertin, fortemente impegnato a tenere continuamente alta l’attenzione proprio su infiltrazioni mafiose negli apparati amministrativi della regione e negli appalti locali, sottolineando che con il suo agire fa danni”.

“…quello, quello combina danni…ha fatto danni e continuerà a fare danni…” emerge in una intercettazione telefonica dove lo stesso Raso passa poi alle minacce:   “…finché qualcuno non gli fa “i mussi” tanti  (lo picchia in faccia ndr).. e ti dirò qualcuno gli farà i “mussi” tanti, perché è già sul pelo del rasoio…se le è sgraziata un paio di volte…fai il tuo lavoro, fatto bene, con delle certezze…”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Un commento su “Inchiesta Egomnia, il politico che non piaceva all”Ndrangheta”

  • La Bindi aveva visto giusto sulla politica valdostana e ovviamente anche Bertin, peccato il silenzio assordante, di tanti altri politici (altri invece ai tempi avevan fatto uscite stonate come Centoz che aveva criticato pesantemente la sua collega di partito ), politici che si son ben guardati dal dire ai valdostani che già da questa estate avevan avuto avvisi di garanzia per presunte collusioni mafiose e subito relativi interrogatori, lo apprendiamo solo oggi e dagli organi di stampa mica da quei politici.

    Bertin tiene alto il nome della politica valdostana ma troppi e troppo importanti ne sprofondano in basso la fama in tutta Italia, sacreditando non solo sè stessi ma tutta la nostra Regione così malgovernata da troppi anni.

Commenta questo articolo