Indagine sul “Père Laurent”, inquirenti al lavoro sulle cartelle cliniche

I Carabinieri del Nas hanno sequestrato la documentazione medica sui pazienti positivi al Covid-19 e su quelli deceduti nelle scorse settimane. Procura al lavoro anche sul confronto delle testimonianze raccolte.
Cartelle
Cronaca

E’ il sequestro delle cartelle cliniche dei pazienti risultati positivi al nuovo Coronavirus e di quelli che hanno perso la vita nelle scorse settimane l’atto inquirente, eseguito dai Carabinieri del Nucleo Antisofisiticazioni, attraverso cui procede l’inchiesta sull’emergenza sanitaria nel “Refuge Père Laurent” di Aosta.

Il fascicolo è stato aperto d’ufficio dalla Procura di Aosta. Il pm Francesco Pizzato, che ne è titolare, al momento non ha formulato ipotesi di reato. L’aspetto su cui gli inquirenti stanno infondendo attenzione rilevante riguarda l’adozione delle procedure per limitare l’epidemia nella struttura per anziani, che ha visto la morte di 36 ospiti su 120 degenti, con 57 riscontri di positività al Covid-19.

Il “Refuge père Laurent” è un ospizio privato, di proprietà della Diocesi di Aosta, convenzionato con la Regione. Oltre alla documentazione acquisita in un sopralluogo, gli investigatori stanno procedendo anche su un altro fronte: il confronto tra le testimonianze raccolte nell’istituto (di responsabili e sanitari) e quelle del personale dell’azienda sanitaria Usl.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte