Prevenzione dalle infiltrazioni mafiose, al via un ciclo di seminari

Il primo appuntamento è in calendario per le 17.30 di venerdì 8 ottobre prossimo, a palazzo regionale. Relatori saranno il magistrato Roberto Tartaglia e il docente universitario di “Storia delle mafie italiane” Enzo Ciconte.
Palazzo Regionale
Cronaca

Prenderà il via venerdì 8 ottobre prossimo il ciclo di seminari pubblici – organizzato dal Consiglio Valle, dalla Presidenza della Regione e dalla rete di enti “Avviso pubblico” – sul tema “La prevenzione delle infiltrazioni mafiose”. L’iniziativa si rivolge ad amministratori, cittadini e portatori di interesse del territorio e mira ad approfondire i temi delle mafie al nord, del riciclaggio, dell’usura e delle ecomafie.

Il primo dei tre appuntamenti in programma, previsto alle ore 17.30 nella sala “Maria Ida Viglino” di palazzo regionale, riguarderà la presenza della criminalità organizzata nel settentrione e i rischi per l’economia e il tessuto sociale. A sviscerarlo saranno il magistrato Roberto Tartaglia, Vice capo del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, e Enzo Ciconte, docente di “Storia delle mafie italiane” al Collegio di merito Santa Caterina dell’Università di Pavia e consulente presso la Commissione parlamentare antimafia dal 1997 al 2010.

Per partecipare ai seminari in presenza è obbligatoria la prenotazione, con una mail all’indirizzo attivitaculturali@consiglio.vda.it, ed occorre essere muniti di “Green pass”. L’evento potrà, inoltre, essere seguito online sul sito web del Consiglio Valle, oppure sul canale 15 del digitale terrestre “TV Vallée”.

Gli altri due seminari sono in programma alle 17.30 di venerdì 22 ottobre (sul fenomeno del riciclaggio e dell’usura) e alle 18 di venerdì 19 novembre (sulle ecomafie e i reati ambientali). “Il nostro intento – sottolinea il presidente del Consiglio, Alberto Bertin – è quello di diffondere maggior consapevolezza delle dinamiche di infiltrazione e radicamento mafioso oltre che di rafforzare il ruolo e le possibilità della Regione di porsi come argine ai fenomeni corruttivi e alle infiltrazioni mafiose”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati