Proroga di un dirigente, la Corte dei Conti assolve l’ex sindaco Centoz

La procura contabile contestava al già ex primo cittadino un danno erariale da 74mila euro. Per i giudici, la scelta operata “non appare palesemente illogica”. La sentenza depositata oggi, mercoledì 24 novembre.
L'ex Sindaco di Aosta Fulvio Centoz
Cronaca

La scelta dell’allora sindaco Fulvio Centoz “di prorogare, nelle more ed in via meramente provvisoria, per un periodo limitato”, l’incarico di un dirigente tecnico del Comune di Aosta “non appare palesemente illogica”. E’ il nocciolo del ragionamento con cui la Sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Valle d’Aosta ha respinto, assolvendo l’ex primo cittadino, la tesi della Procura contabile, che contestava a Centoz, in Municipio dal 2015 al 2020, un danno erariale da circa 74mila euro.

L’udienza si è tenuta lo scorso 21 ottobre e la sentenza del presidente Donato Maria Fino (estensore Alessandro Napoli) è stata depositata oggi, mercoledì 24 novembre. L’addebito mosso dal procuratore Massimiliano Atelli era relativo al periodo in cui la Giunta guidata dal dem Centoz muoveva i primi passi del suo mandato. Per il dirigente, già trattenuto in servizio dalla precedente amministrazione, nel luglio 2015 viene disposta la proroga. Resta in Comune, con decreti firmati dall’allora Sindaco, fino al marzo 2016, quando si dimette per il pensionamento.

Il posto occupato in quei mesi, agli occhi degli inquirenti contabili – era stato oggetto, nel frattempo, di una riorganizzazione e non poteva venire (ri)assegnato. Stando all’inchiesta, il prolungamento dell’incarico aveva rappresentato un mantenimento “surrettizio” della posizione eliminata. Per i giudici, tuttavia, lo scenario di “alternative meno onerose, quale un eventuale conferimento dell’incarico a condizioni economiche differenti” presentava “profili di non inequivoca esperibilità e di obiettiva indeterminatezza”.

Difettava infatti, nell’assetto dell’amministrazione comunale, “un assetto macro-organizzativo di riferimento delle posizioni dirigenziali sufficientemente cristallizzato”. Il verdetto è stato accolto con soddisfazione dal già sindaco Centoz, che ha dichiarato: “non ho mai pensato di aver agito non correttamente, anche perché su quella procedura ci eravamo confrontati con tutto lo scibile amministrativo possibile”. Per parte sua, il difensore dell’ex primo cittadino, l’avvocato Davide Sciulli, manifesta “soddisfazione a mia volta, anche perché non ho mai nutrito dubbi sulla correttezza del mio assistito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca
Cronaca