Scarica di sassi uccide alpinista sul Monte Bianco

La vittima è un ventenne finlandese: ha perso la vita mentre saliva, assieme al padre, al rifugio del Goûter, sul versante francese della montagna. Il corpo è stato recuperato dal PGHM di Chamonix. L’incidente oggi nel primo pomeriggio.
PGHM Chamonix
Cronaca

E’ morto sotto gli occhi del padre, ucciso da una scarica di sassi. E’ accaduto ad un alpinista finlandese, di una ventina d’anni, nel primo pomeriggio di oggi, venerdì 25 agosto. Il giovane, assieme al genitore, stava salendo al rifugio del Gouter, sul versante francese del Monte Bianco. Solo pochi giorni fa, le autorità transalpine avevano consigliato di rinviare eventuali ascensioni alla vetta per il rischio di crolli.

Il padre della vittima, indenne ma sotto choc, è stato preso in carico dai soccoritori del Peloton de Gendarmerie de Haute Montagne (PGHM) di Chamonix, che hanno altresì riportato a valle il corpo del ragazzo. Lo riferiscono i media francesi.

L’incidente ribadisce le complessità dell’ambiente alpino, confrontato alle temperature elevate dell’ultimo periodo, come testimoniato dal maxi-crollo verificatosi l’altro ieri, mercoledì 23 agosto, sull’Aiguille Verte. Lo scorso 8 agosto, inoltre, un alpinista israeliano aveva perso la vita nel canale del Gouter, parte della via normale francese che si caratterizza per i distacchi di materiale roccioso, fenomeno per cui la salita era stata sospesa nel 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte