Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 19 Aprile 2021 16:33

Sfuma il concordato, fallita la società che si occupava dei fallimenti

Aosta - La “Gruppo IVG Srl”, concessionaria delle vendite giudiziarie per il Tribunale, ha rinunciato alla procedura concorsuale ottenuta in novembre ed è quindi stata discussa l’istanza fallimentare depositata da un creditore.

Tribunale di Aosta

La speranza accesa, a fine ottobre, dall’ammissione al concordato con riserva è sfumata: è stata la stessa “Gruppo Ivg Srl” a rinunciare alla procedura concorsuale, senza depositare un piano. La scelta ha riportato in essere l’istanza fallimentare, portando alla sua discussione e, lo scorso 7 aprile, la società (già concessionaria ministeriale delle vendite giudiziarie per il Tribunale di Aosta) è stata dichiarata fallita.

Nella stessa udienza è avvenuta la nomina del giudice delegato Marco Tornatore ed ha avuto altresì luogo la designazione del curatore, il commercialista Filippo Canale, con studio a Torino. A scandire i passi successivi è la legge fallimentare: agli amministratori della società è stato ordinato di depositare, nell’imminenza della dichiarazione, i bilanci e le scritture contabili e fiscali obbligatorie, nonché l’elenco dei creditori.

Il Tribunale ha quindi proceduto a fissare, per il prossimo 14 luglio, l’adunanza dei creditori. Questi ultimi, assieme ad eventuali terzi che vantino diritti su cose in possesso del fallito, hanno a disposizione un termine di trenta giorni prima dell’assemblea, per presentare alla cancelleria del Tribunale le loro domande di insinuazione nel passivo, che sarà appunto esaminato nell’adunanza.

Le difficoltà della “Gruppo IVG Srl” erano emerse nell’estate 2020, quando un creditore insoddisfatto aveva depositato l’istanza che ha condotto alla sentenza di alcuni giorni fa. L’azienda si occupava, in particolare, delle esecuzioni mobiliari e immobiliari, ma la mancata restituzione, a seguito di esplicite richieste del Tribunale, di somme depositate presso la società (relativamente ad alcune procedure) aveva causato la revoca dei mandati di custodia e vendita affidatigli.

Le difficoltà economiche riguardavano anche il versamento del canone d’affitto dello stabile occupato dalla società, nell’area della “Pépinière d’entreprises”. In novembre, lo spiraglio rappresentato dall’ammissione al percorso concordatario, che dava alla “Gruppo IVG Srl” 120 giorni di tempo per perfezionare la procedura, presentando il piano di ristrutturazione del debito. Un traguardo che non è riuscita a tagliare e così chi si occupava delle conseguenze dei fallimenti altrui è fallito a sua volta.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo