Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 16 Gennaio 2021 16:20

Spaccio di droga a giovanissimi, arrestato un 35enne

Châtillon - Le manette sono scattate ai polsi di Giuseppe Brizzi, domiciliato a Châtillon. Il fermo rientra nell’indagine “Adolescenza rubata 2”, condotta dai Carabinieri della Compagnia di Châtillon/Saint-Vincent.

Arma dei Carabinieri AostaArma dei Carabinieri Aosta

Un 35enne domiciliato a Châtillon è stato arrestato dai Carabinieri, perché ritenuto responsabile di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e dell’agevolazione di attività illecite nei confronti di minori. Le manette ai polsi di Giuseppe Brizzi sono scattate nell’ambito dell’indagine “Adolescenza rubata 2”, condotta dal Nucleo Radiomobile della Compagnia di Châtillon/Saint-Vincent sullo smercio di hashish e marijuana ad Aosta e in media Valle nei confronti di giovanissimi.

Assieme all’arresto, gli uomini dell’Arma hanno effettuato una perquisizione domiciliare a carico di un 26enne incensurato, che ha portato al rinvenimento ed al sequestro di una ventina di grammi di “erba” e di un bilancino di precisione. L’inchiesta, tra il febbraio e il giugno 2020, aveva già visto l’arresto di un neo-diciottenne e la denuncia all’autorità giudiziaria di dieci ragazzi (cinque minorenni), alcuni dei quali avevano avuto le abitazioni perquisite.

Sviluppando le risultanze raccolte attraverso le precedenti investigazioni, i Carabinieri sono giunti a Brizzi. La Procura ha quindi chiesto al Gip del Tribunale di Aosta – che l’ha emessa – l’ordinanza di custodia cautelare  – il giovane si trova ora ai domiciliari –  eseguita dai militari. Le accuse per cui è scattato il fermo gli sono mosse per il periodo dal dicembre 2019 all’agosto 2020.

L’indagine “Adolescenza rubata 2” aveva preso il via nel novembre 2019, quando da un istituto superiore della media Valle era giunta all’Arma una segnalazione sul consumo di stupefacenti da parte di alcuni studenti, all’esterno della scuola. Ricostruendo il “giro”, principalmente con appostamenti, i militari del Nucleo operativo radiomobile erano arrivati agli altri indagati e all’arresto, cui si aggiunge la nuova misura cautelare. Parte delle indagini, viste le età dei coinvolti, sono in capo alla Procura presso il Tribunale per i minorenni di Torino.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo