Cultura e spettacolo

Ultima modifica: 30 Agosto 2016 11:02

Castello di Quart, 5.807 visitatori per il cantiere evento

Quart - Il progetto rientra in un quadro più ampio di interventi di riqualificazione e valorizzazione del patrimonio culturale della Valle d'Aosta inserito nel Programma operativo Competitività regionale 2007/13 cofinanziato dal Fesr.

Castello di Quart - Ph. www.regione.vda.it

Si è chiuso nei giorni scorsi il Cantiere Evento del Castello di Quart, iniziativa lanciata dall'Assessorato regionale alla Cultura e dal Comune di Quart per mostrare i lavori di restauro del maniero. Ad approfittare del mese circa di apertura straordinaria del bene sono stati in 5.807.

"Esprimiamo la nostra soddisfazione – dichiara  in una nota l’Assessore Emily Rini – per la grande affluenza di pubblico registrata da questa iniziativa con la quale abbiamo voluto aprire le porte di questo castello, attualmente ancora chiuso al pubblico, garantendone così l’accessibilità e la fruizione durante gli interventi di recupero dell’edificio. Tali iniziative di valorizzazione sono finalizzate a promuovere la scoperta del patrimonio storico-artistico presente sul territorio valdostano rispondendo all’esigenza della comunità, ma anche dei numerosi turisti, interessati a conoscere la storia e la cultura dei nostri luoghi, rendendo gli stessi partecipi degli interventi di tutela e valorizzazione.

Il progetto rientra in un quadro più ampio di interventi di riqualificazione e valorizzazione del patrimonio culturale della Valle d'Aosta inserito nel Programma operativo Competitività regionale 2007/13 cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale. Ulteriori interventi di recupero del Castello di Quart sono previsti grazie al contributo del Programma FESR 2014/20, il Progetto strategico Rete cultura e turismo per la competitività, che consentirà, in particolar modo, di aumentare la valorizzazione del sito, integrando le risorse culturali, naturali e dell’enogastronomia e potenziando la capacità di attrazione turistica della Valle d’Aosta.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>