Fabio Porliod premiato alla Fashion Factor di Dubai

Fabio Porliod è stato premiato per i migliori abiti da sera, portando in passerella la sua collezione Rebirth che aveva presentato a Parigi.
Fabio Porliod a Dubai con Audrey Chabloz e hair stylist Luca Carta di Alghero
Cultura

Lo stilista valdostano Fabio Porliod, reduce dal Red carpet di Cannes, dove ha vestito la modella curvy Francesca Giuliano, e dalla trasferta parigina in occasione della festa della repubblica, dove è stato invitato dall’ambasciatrice italiana Teresa Castaldo presso l’ambasciata italiana per il suo lavoro svolto con il progetto Phoenix Alternative models (sfilata svoltasi a Parigi nel settembre scorso dove lo stilista ha portato in passerella solo modelle amputate); è volato a Dubai per presentare la sua collezione Rebirth.
La sfilata, nonché concorso per stilisti a cui ha preso parte Porliod, si è svolta presso l’hotel Le Meridien di Dubai.

Al concorso hanno partecipato 26 stilisti provenienti da tutto il mondo ed in giuria erano presenti stilisti internazionali (Sadek Majed, Amato, Hany El Behairy, Atelier Zuhra ed influencer del middle east come Niki Shah). L’evento, giunto alla sua seconda edizione, si chiama Fashion Factor.
Porliod è stato premiato per i migliori abiti da sera, portando in passerella la sua collezione Rebirth che aveva presentato a Parigi. Inoltre era presente anche la modella di punta dello stilista valdostano, la modella e influencer valdostana Audrey Chabloz. Nel viaggio a Dubai, per il backstage di Porliod erano presenti anche l’Hair Stylist di Alghero Luca Carta e la make Up Artist di Torino, Stella Grossu.

Fabio Porliod
Fabio Porliod

“Quando hanno chiamato il mio nome subito non avevo capito – ha raccontato Porliod – forse un po’ per la pronuncia è forse un po’ perché non mi sembrava vero, quando ho realizzato che avevano chiamato proprio me il cuore ha iniziato a battere a mille. L’emozione e la felicità non si possono nemmeno descrivere. Ero partito senza grandi aspettative, portando una collezione molto diversa rispetto agli altri designer, mantenendo il mio stile senza per forza adattarmi allo stile di Dubai. Questo un po’ mi spaventava ed invece sono stato premiato”.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura