“La Fuggitiva”, la serie con Vittoria Puccini girata anche in Valle, arriva in tv il 5 aprile

Dopo Rocco Schiavone arriva un'altra fiction noir, prodotta dalla Rai. Lunedì 5 aprile, e per le successive tre settimane, andrà in onda su Rai 1 la serie tv girata in Valle con protagonisti Vittoria Puccini, Pina Turco ed Eugenio Mastrandrea, per la regia di Carlo Carlei.
Cultura

Chiusa con successo la quarta stagione di “Rocco Schiavone”, la Valle d’Aosta si è ormai affezionata agli schermi televisivi, in attesa del suo ritorno al cinema, in uno scampolo del kolossal “House of Gucci”.

Lunedì 5 aprile, e per le successive tre settimane, andrà infatti in onda su Rai 1 la serie tv “La Fuggitiva”, girata in Valle e con protagonisti Vittoria Puccini, Pina Turco ed Eugenio Mastrandrea, per la regia di Carlo Carlei.

La serie – una coproduzione Rai Fiction Compagnia Leone Cinematografica – ha ottenuto il contributo del Fondo per il sostegno alla produzione audiovisiva della Film Commission Vallée d’Aoste e ha realizzato alcuni giorni di riprese in Valle tra settembre e ottobre 2020, in particolare in alcune location nei pressi di Gressan e in due strutture ricettive di Aosta e dintorni.

“La presenza di una produzione così importante ha molteplici implicazioni positive sull’intero territorio regionale e sul suo comparto produttivo – spiega la direttrice della Film Commission Vallée d’Aoste Alessandra Miletto -. Innanzitutto siamo molto felici di aver ospitato le riprese di una fiction di grande qualità artistica e di aver contribuito a far conoscere a una società di produzione importante come Compagnia Leone Cinematografica le bellezze della nostra Valle e ciò che la nostra Film Commission e il territorio possono offrire. In un periodo di difficoltà come quello che stiamo attraversando, avere avuto sul nostro territorio una produzione come ‘La Fuggitiva’ costituisce inoltre un contributo significativo alla crescita delle professionalità valdostane che hanno la possibilità lavorare su una grande produzione nazionale, creando rapporti professionali utili nel futuro. Un’opportunità altrettanto importante per tutti i servizi collegati alle necessità di una produzione; parliamo di significative ricadute economiche dirette sul territorio che includono tra gli altri i costi per assunzioni di maestranze e comparse, materiali per scenografia, trasporti, affitto di location, alberghi, ristoranti, catering, noleggio mezzi e servizi vari”.

Cosa sappiamo de “La Fuggitiva”

“La serie è girata prevalentemente in Piemonte. – spiegava lo scorso settembre Miletto -. In  Valle d’Aosta avevano bisogno di alcune ambientazioni particolari,  luoghi generici, non connotati, che il nostro location manager sta individuando in questi giorni con la produzione. Ad esempio volevano girare all’interno del Casinò, che però non ha concesso l’autorizzazione perché la Valle d’Aosta non comparirà, in quanto l’ambientazione ricreata è quella di Lugano e dintorni”.

La produzione ha avuto come base logistica Aosta, grazie anche ad un accordo raggiunto da Film Commission VdA con Finaosta che ha messo a disposizione alcuni locali d’appoggio per la troupe.

La Fuggitiva Da sx Dionisi Miletto Puccini e Carlei
“La Fuggitiva”. Da sx Dionisi, Miletto, Puccini e Carlei

La trama

Vittoria Puccini interpreta Arianna, una donna coraggiosa che ha subito un’accusa infamante: l’omicidio del marito, assessore all’urbanistica di un comune della provincia di Torino. Lei sa di essere innocente, ma non ci sono prove per scagionarla. Dovrà cercarle lei stessa, mettendo a repentaglio non soltanto la sua vita, ma anche l’affetto del figlio che si è oramai allontanato dalla madre.

Le quattro puntate della nuova fiction, prodotta da Rai Fiction e Compagnia Leone Cinematografica srl e diretta da Carlo Carlei, dovevano inizialmente andare in onda in autunno, come quelle della quarta serie di Rocco Schiavone.

Vittoria Puccini ne La Fuggitiva
Vittoria Puccini ne “La Fuggitiva”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura