VIDEO Cultura e spettacolo

Ultima modifica: 22 Gennaio 2021 15:02

“Lo Magasin di Fontine”, in anteprima la nuova scultura di Guido Diémoz

Aosta - La scultura realizzata da Guido Diémoz, realizzata in noce antico, è a tutto tondo: dodici personaggi, legati alla stagionatura e al trasporto delle fontine, dominano le cinque scene scolpite nella radice di noce bicentenario.

Se la Fiera di Sant’Orso ha deciso di non fermarsi neanche quest’anno, trasferendosi sul web con una serie d’iniziative mirate a proseguire una tradizione millenaria, anche la classica “avant-première” della nuova scultura di Guido Diémoz, curata dall’Equipe d’Action Culturelle, si affida alle nuove tecnologie e al digitale.

L’opera porta il titolo “Lo magasin di Fontine” ed è frutto dei ricordi giovanili dell’artista di Doues: Diémoz, diciottenne, lavorò infatti per due anni alla cooperativa Fontine di Valpelline situata nella antica miniera di rame di Frissonière, trasformata in magazzino di stagionatura del nostro prezioso formaggio. Realizzata in noce antico, è a tutto tondo, dodici personaggi, legati alla stagionatura e al trasporto delle Fontine, dominano le cinque scene scolpite nella radice di noce bicentenario.

In questi ultimi sei anni Diémoz ha prodotto a ogni edizione un’importante opera tematica per immortalare le tradizioni della vita alpina e la sua storia millenaria: L’arbre du maire, Le Ru, L’Enchantement, La Tzarbonniëre, Le Magnin, Lo Secret tutte grandi sculture dedicate alle tradizioni e ai mestieri della nostra terra.

Artista autodidatta, Diémoz si è dedicato alla scultura in piena maturità, dopo varie esperienze lavorative gestendo per oltre vent’anni, con la moglie, Elvira Barmette, il ristorante tipico valdostano, “Lo Bon Megnadzo” di Doues, oggi trasformato in una splendida casa vacanze.

La scultura di Diémoz trae origine dal vissuto popolare della sua terra montanara, che lo ha portano a realizzare opere di grande vigore plastico e monumentale legate agli antichi mestieri e alle tradizioni contadine. La sua produzione artistica è profondamente legata all’espressionismo scultoreo di scuola figurativa, affonda le sue radici interpretative nel mondo contadino valdostano vissuto in prima persona dallo scultore e ai cui valori è inscindibilmente legato. I legni secolari utilizzati da Diémoz sono la storia di un tempo, non troppo lontano, in cui la vita in montagna era sinonimo di fatica, di sopravvivenza alimentare.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Un commento su ““Lo Magasin di Fontine”, in anteprima la nuova scultura di Guido Diémoz”

  • Indiscussa la bravura dell artista, ma mi spiegate che messaggio volete trasmettere con i baci e abbracci all’inizio del servizio???! La pandemia è finita? Non c’è più bisogno di distanziento?

Commenta questo articolo