“Goute à goute” di Pepe Badia Marrero ha vinto il concorso “Fotografare il Parco”

Al secondo posto il valdostano Davide Glarey con "Mimetismo perfetto". Qui tutti i premiati, per ogni categoria, del 17° concorso di fotografia naturalistica organizzato dai Parchi Nazionali di Gran Paradiso, Stelvio, d’Abruzzo, Lazio e Molise e de la Vanoise.
Goute Pepe Badia Marrero
Cultura

Sono stati proclamati i vincitori della 17ª edizione del Concorso internazionaleFotografare il Parco”, organizzato dai Parchi Nazionali di Gran Paradiso, Stelvio, d’Abruzzo, Lazio e Molise e de la Vanoise, con il patrocinio di Alparc, Federparchi e la media partnership de La Rivista della Natura.

Oltre 380 i fotografi partecipanti, con più di 2.700 fotografie presentate. Questi i numeri complessivi del concorso dedicato alle aree protette che mostrano l’interesse suscitato tra gli appassionati di fotografia di paesaggio e di natura.

Un podio internazionale quello dei vincitori assoluti, con lo spagnolo Pepe Badia Marrero sul gradino più alto con la fotografia Goute à goute (una vespa cartonaia sul suo nido intenta a bere una goccia d’acqua), seguito al secondo posto dal valdostano Davide Glarey con Mimetismo perfetto (ritratto “nascosto” di allocchi, ricoperti dalla neve, affacciati a una cavità d’albero). Al terzo, il francese Jean Luc Viart con L’Aiguille Doran dans la brume (gioco di nubi e di luci ai piedi dell’acuminata piramide dell’Agiulle Doran).

Mimetismo perfetto Davide Glarey
“Mimetismo perfetto” di Davide Glarey

Le foto premiate

Nella categoria dedicata ai paesaggi delle singole aree protette sono state premiate le Creste calcaree al tramonto di Daniele Frigida per il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, la Dora del Nivolet di Alfredo D’Iorio per il Parco Nazionale Gran Paradiso, Foliage nella Magnifica Terra di Stefano Malaguti per il Parco Nazionale dello Stelvio e Un lac de linaigrettes di Catherine Aupetit per il Parc national de la Vanoise.

Il primo premio della categoria Fauna selvatica del Parco è stato invece attribuito allo scatto Bacche, cesene e mille fiocchi di neve di Massimiliano Manuel Paolino. Vincitore sia della categoria Micromondo del Parco e dettagli naturali sia della categoria Mondo vegetale del Parco è risultato Fabio Sartori con, rispettivamente, le immagini Under the moon light e Lanterne rosse.

I premi speciali

Due i premi speciali assegnati. Il premio per la foto che meglio rappresenta l’Interazione Uomo/Ambiente è stato vinto dallo scatto La via per il Paradiso di Claudio Renato Oldrini che mostra come l’attività alpinistica sia una delle forme di relazione tra uomini e ambienti alpini che più porta a confrontarsi con la propria reale dimensione. A Giovanna Rossi è stato invece attribuito il premio dedicato alle crisi ecologico-ambientali per la foto di Ermellino. Il bianco animale in un inverno senza neve, non più mimetico, sottolinea le difficoltà di adattamento della natura ai cambiamenti climatici.

Il premio del pubblico

Per la prima volta è stato istituito anche un premio del pubblico, il People’s choice. Tra la selezione di dieci immagini scelte dalla Giuria è risultata vincitrice Sulle nevi della discordia di Massimiliano Manuel Paolino, che ha ottenuto 407 “Mi piace” sul profilo Instagram del concorso.

Il livello delle fotografie in concorso e, talora, la difficoltà di decretare una classifica – si legge in una nota – ha indotto la giuria alla segnalazione di altre undici immagini che si sono distinte per qualità e bellezza.

La premiazione, organizzata in collaborazione con la Regione Lombardia, è in programma sabato 9 marzo alle 10.30 all’Auditorium “Testori” di Palazzo Lombardia, a Milano. Anche quest’anno l’esposizione delle foto vincitrici e menzionate è prevista al Forte di Bard, dal 17 marzo al 14 aprile.

Tutte le foto premiate

Vincitori assoluti

L'Aiguille Doran dans la brume Jean Luc Viart
“L’Aiguille Doran dans la brume” di Jean Luc Viart

Goute à goute – Pepe Badia Marrero
Mimetismo perfetto – Davide Glarey
L’Aiguille Doran dans la brume – Jean Luc Viart

Categoria A – Paesaggi del Parco

Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise: Creste calcaree al tramonto – Daniele Frigida
Parco Nazionale Gran Paradiso: Dora del Nivolet – Alfredo D’Iorio
Parco Nazionale dello Stelvio: Foliage nella Magnifica Terra – Stefano Malaguti
Parc national de la Vanoise: Un lac de linaigrettes – Catherine Aupetit

Categoria B – Fauna selvatica del Parco

Bacche, cesene e mille fiocchi di neve – Massimiliano Manuel Paolino
L’accoppiamento del merlo acquaiolo – Luca Casale
Io sono la montagna – Giacomo Crudo

Categoria C – Micromondo del Parco e dettagli naturali

Under the moon light – Fabio Sartori
Altri Mondi – Elisa Confortini
Gioielli di famiglia – Massimiliano Manuel Paolino

Categoria D – Mondo vegetale del Parco

Lanterne Rosse – Fabio Sartori
Fiorellino – Massimo Arcaro
Micro – Lorenzo Shoubridge

Categoria crisi ecologico-ambientali

Ermellino Giovanna Rossi
“Ermellino” di Giovanna Rossi

Ermellino – Giovanna Rossi

Categoria Interazione uomo ambiente

La via per il Paradiso Claudio Renato Oldrini
“La via per il Paradiso” di Claudio Renato Oldrini

La via per il Paradiso – Claudio Renato Oldrini

People’s choice

Sulle nevi della discordia Massimiliano Manuel Paolino
“Sulle nevi della discordia” di Massimiliano Manuel Paolino

Sulle nevi della discordia – Massimiliano Manuel Paolino

Segnalazioni

Candido mantello – Carlo Giacomini
Ultima guardia – Gloriano Biglino
Fantasmi di un tempo passato – Vittorio Morletto
Tempesta di neve – Emanuele Valle
Riflessi di verde – Francesco Rosato
Le lac des vaches – Catherine Aupetit
Civetta con preda – Andrea Daina Palermo
A testa in giù – Elisa Confortini
Cervo volante nel querceto – Thomas Martini
Mors tua vita mea – Maurizio Teruzzi
Fungo Lanterna – Greta Lecchini Argento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte