Economia e lavoro di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 24 Novembre 2020 14:54

Coronavirus, Fisascat Cisl Valle d’Aosta: “Senza sci un crollo senza precedenti per l’economia della nostra Regione”

Aosta - Dopo il Ministro Speranza, ospite domenica scorsa da Fabio Fazio, è toccato ieri al Premier Conte Giuseppe Conte, invitato da Lilli Gruber a "Otto e Mezzo", ribadire il "No" del governo alle vacanze sulla neve.

Dondeynaz HenriDondeynaz Henri

Dopo il Ministro Speranza, ospite domenica scorsa da Fabio Fazio, è toccato ieri al Premier Conte Giuseppe Conte, invitato da Lilli Gruber a “Otto e Mezzo”, ribadire il “No” del governo alle vacanze sulla neve. “Non è possibile consentire delle vacanze sulla neve, perché avremo la terza ondata”.

Parole non condivise dagli operatori turistici dei territori montani, in grande apprensione per ciò che comporta la posizione del Governo.

“Oltre alla perdita del fatturato del settore degli impianti a fune, bisognerebbe fare i conti con la caduta del reddito dell’indotto generato dalla filiera dell’industria della neve” ricorda oggi  Henri Dondeynaz, segretario regionale Fisascat Cisl Valle d’Aosta.

“Siamo consapevoli che l’attuale momento di emergenza sanitaria resta su parametri ancora delicati. – sottolinea Dondeynaz – Siamo spaventati dalla rigidità che traspare da parte di Roma, forse poco consapevole dell’impatto economico e sociale che l’intero “sistema Montagna” produce sulle Regioni Alpine. Per la Valle d’Aosta, regione a vocazione turistica che sulla proposta neve, in virtù del proprio territorio, investe in maniera importante per posizionarsi tra le migliori realtà dell’offerta internazionale, l’intenzione prospettata dal Governo significherebbe un crollo senza precedenti per l’intera economia della nostra Regione”.

Per la  Fisascat Cisl Valle d’Aosta è “difficile sostenere che un ipotetico intervento economico da parte del Governo nazionale, possa essere sufficiente a coprire il volume dell’imponente ricchezza che andrebbe persa.” Per questo l’invito al Governo regionale è di “proseguire quanto fatto sinora e perseguire ogni strada per scongiurare una chiusura totale della stagione turistica invernale”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo