Codacons: Aosta la città con l’inflazione più bassa

L'inflazione a dicembre ad Aosta è stata del +8,5% rispetto allo stesso mese dell'anno prima . All'opposto c'è Catania, con +14,7%. La spesa annuale per famiglia è aumentata però di 2.103 euro.
Il mercato di quartiere in piazza della Repubblica alle
Economia

E’ Aosta la città che ha registrato la percentuale più bassa d’inflazione a dicembre in Italia secondo il Codacons: +8,5% . All’opposto c’è Catania, con +14,7%.

L’aumento di prezzi è costato ad ogni famiglia italiana, a parità di consumi, ben 2.369 euro nel 2022, con una stangata complessiva che supera quota 61,3 miliardi di euro. L’Istat ha pubbblicato oggi i dati definitivi sull’inflazione.

“Un tasso medio annuo dell’8,1% si traduce infatti a consumi costanti in un maggiore esborso pari in media a +2.369 euro per la famiglia “tipo”, spesa che sale a +3.285 euro annui per un nucleo con tre figli – analizza il Codacons – Un single ha speso 1.682 euro in più rispetto all’anno precedente, +1.619 euro il pensionato, +2.528 euro una coppia senza figli, +2.863 euro un nucleo con 1 figlio, +3.069 euro una famiglia con 2 figli”.

Se si considera però la diversa spesa per consumi delle famiglie sul territorio, è Milano la città che risente maggiormente dell’inflazione, con il tasso al +12% che si traduce in una maggiore spesa annua in media pari a +3.257 euro a famiglia. Un nucleo residente a Potenza, con una inflazione al 9,2%, spende invece “appena” +1.817 euro all’anno, il valore più basso d’Italia. Ad Aosta la spesa annua a famiglia è cresciuta invece di 2.103 euro.

Nel dettaglio a dicembre 2022 rispetto allo stesso mese dell’anno prima a crescere maggiormente sono le spese per Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+35,2), Prodotti alimentari e bevande analcoliche (+10,3), Trasporti (+5,6), Servizi ricettivi e di ristorazione (+4,8), Mobili, articoli e servizi per la casa (+3,6), Ricreazione, spettacoli e cultura (+3,3), Altri beni e servizi (+2,4), Bevande alcoliche e tabacchi (+2,0), Abbigliamento e calzature (+1,4), Servizi sanitari e spese per la salute (+0,4). In diminuzione le seguenti divisioni di spesa: Comunicazioni (-1,4), Istruzione (-0,1).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte