Coldiretti, primo volo charter dal Marocco: a bordo anche 16 lavoratori destinati alla Valle

Il primo contingente, trasportato da un volo charter con 142 lavoratori, è atterrato oggi all’Aeroporto di Pescara. "Si tratta di lavoratori agricoli stagionali qualificati che ormai da anni sono impiegati sul territorio" sottolinea Coldiretti.
bovina al pascolo alpeggio Fra
Economia

Dalle patate e gli ortaggi della Piana del Fucino in Abruzzo alle coltivazioni di tabacco nel veneto, dalle zucche nel Mantovano, fino agli alpeggi in Valle d’Aosta: è atterrata oggi all’Aeroporto internazionale d’Abruzzo “Pasquale Liberi” di Pescara la  task force salva raccolti organizzata dalla Coldiretti per aiutare le imprese agricole in crisi per la mancanza di manodopera a causa dell’emergenza Covid.

Il primo contingente, trasportato da un volo charter con 142 lavoratori provenienti dal Marocco. Di questi 16 saranno distribuiti negli alpeggi valdostani. “Si tratta di lavoratori agricoli stagionali qualificati che ormai da anni – sottolinea la Coldiretti – sono impiegati sul territorio, tanto da essere diventati indispensabili per l’attività di molte aziende nostrane, con cui in molti casi sono nati rapporti anche di amicizia. Dopo aver trascorso il periodo di quarantena, si impegneranno negli alpeggi valdostani”.

Il volo privato è stato organizzato dalla Coldiretti dopo che il Marocco ha sospeso tutti i collegamenti aerei con l’Italia con grandi difficoltà per molte imprese che non possono più contare su storici collaboratori. La comunità marocchina è la più numerosa tra i lavoratori agricoli fuori dei confini comunitari con quasi 36mila persone, il 10% circa del totale dei braccianti stranieri che ogni anno vengono occupati da nord a sud della Penisola.

Prima della pandemia – continua la Coldiretti – i lavoratori stranieri occupati in agricoltura erano 368.000 per la maggior parte provenienti da Romania (98.011), Marocco (35.787), India (35.355) e Albania (33.568). Una componente bene integrata nel tessuto economico e sociale ma anche determinante per molti distretti agricoli come nel caso – aggiunge la Coldiretti – della raccolta delle fragole nel Veronese, della preparazione delle barbatelle in Friuli, delle mele in Trentino, della frutta in Emilia Romagna, dell’uva in Piemonte fino agli allevamenti da latte in Lombardia dove a svolgere l’attività di bergamini sono soprattutto gli indiani.

“In queste condizioni è importante l’annuncio da parte della Commissione europea del passaporto vaccinale con l’obiettivo di consentire la libera circolazione all’interno dell’Unione per lavoro o turismo” conclude il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare l’importanza di lavorare a livello nazionale per accordi bilaterali con i Paesi dove è più rilevante il flusso di lavoratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia