I sindacati si prendono 24 ore per decidere: alle 17 nuovo incontro in Regione

Sono ore decisive queste per i precari dei cantieri forestali e edili. L’incontro di ieri fra il Presidente della Regione, i due assessori all’Agricoltura e alle Opere Pubbliche con i sindacati ha portato ad un nulla di fatto. Alle 17 nuovo incontro.
Palazzo regionale
Economia

Sono ore decisive queste per i precari dei cantieri forestali e edili. L’incontro di ieri fra il Presidente della Regione, Rollandin, i due assessori all’Agricoltura e alle Opere Pubbliche, Isabellon e Viérin, con i sindacati ha portato ad un nulla di fatto. I sindacati si sono presi 24 ore di tempo per riflettere sulle proposte avanzate loro, al momento top segret, e alle 17 torneranno in piazza Deffeyes.

Prima di tornare a Palazzo però i sindacati incontreranno in un’assemblea al Cral Cogne gli impiegati del settore forestale. Nel frattempo, le organizzazioni dei lavoratori confermano il corteo di protesta di domani mattina. Le motivazioni le spiega Dimitri Demé segretario del Savt forestali “Qui non si tratta di essere contro qualcuno ma di essere a favore dell’occupazione. Non dobbiamo confondere la politica con la politica del lavoro. Il nostro obiettivo per domani è di fare capire che il settore forestale c’è ed è un settore pulsante della nostra economia.”

Come illustrato nelle tre assemblee sindacali indette nei giorni scorsi a rischio ci sarebbero 150 posti di lavoro, 70 nei forestali e i restanti nei cantieri edili. Lavoratori che rischiano di non essere assunti nella “Salvaprecari”.

“Siamo indubbiamente preoccupati per questa situazione – conclude Demé  – e stiamo lavorando per salvaguardare l’occupazione”

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia