La neve regala il sorriso agli operatori turistici: crescono presenze e arrivi a gennaio

Se il 2010 aveva fatto registrare un calo significativo di arrivi e presenze degli italiani, il 2011 si è aperto con un ritorno dei nostri connazionali tra le montagne valdostane.
Escursioni
Economia

Se il 2010 aveva fatto registrare un calo significativo di arrivi e presenze degli italiani, il 2011 si è aperto con un ritorno dei nostri connazionali tra le montagne valdostane. Sul fronte degli arrivi gli italiani hanno fatto registrare un incremento di 5mila747 unità (+9,4 per cento) e sul lato delle presenze di 9.253 unità (+4,3 per cento).  Positivi anche i dati sugli stranieri: +9,3 per cento sugli arrivi (2mila543) e +8,1 per cento sulle presenze (11mila850 unità). Nel complesso gli arrivi sono cresciuti del +9,4 per cento toccando quota 8mila290 unità e le presenze del 5,8 per cento per un totale di 20mila833 unità.

“I dati sui flussi turistici – spiega in una nota l’Assessore al Turismo Marguerettazsono incoraggianti, anche agevolati dalle buone condizioni di innevamento delle piste che per adesso ci favoriscono rispetto ad altre località e dimostrano che il turismo tiene pur in un momento di difficoltà dovuto alla crisi economica ma anche agli eventi recenti che stanno agitando i paesi del nord africa e ingenerano preoccupazione nella comunità internazionale.”

Sull’incremento degli italiani bisogna sottolineare come questo sia in larga parte spiegato dal turismo di prossimità con un aumento sul fronte degli arrivi di lombardi e piemontesi che hanno approfittato, probabilmente, dei ponti delle festività natalizie.  Tra gli stranieri, forte incremento delle presenze di giapponesi e polacchi (soprattutto per il comprensorio di Aosta) e di russi. Quest’ultimi si sono fatti vedere oltre che nel comprensorio del Monte Cervino anche in quello del Monte Bianco e della Valle centrale.

“In questo momento particolare – continua Marguerettaz –  la gente riscopre la possibilità di trascorrere vacanze prestigiose ed emozionanti a due trecento chilometri di distanza riscoprendo il fascino della montagna classica e vera. In Valle d’Aosta si possono trovare bellezze uniche al mondo come i nostri Quattromila: Monte Bianco, Cervino, Monte Rosa e il Gran Paradiso. Ma le bellezze naturali non sono sufficienti, bisogna continuare a lavorare sodo e far convergere gli sforzi su progetti condivisi dagli operatori e dalla comunità.”

Nei giorni scorsi è partito intanto il booking on-line. “Ad essa bisogna però associare l’accoglienza – conclude Marguerettaz –  che per noi è un valore importante che deve essere fatto proprio da tutti i Valdostani. Infine, accanto all’ospitalità ricordo l’importanza per la nostra industria turistica di continuare ad investire sulla formazione e la preparazione linguistica dei nostri operatori”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte