Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 2 Giugno 2020 16:08

2 giugno, l’appello del Celva: “Si dia dignità ai Comuni”

Aosta - A spiegarlo il Presidente Franco Manes: “È questa la Repubblica che vogliamo, l’Italia dei piccoli, delle ‘terre alte’, dei borghi. Per questo motivo, in questo giorno di celebrazioni, chiediamo al Governo nazionale e alle Regioni di cambiare marcia, ridando dignità ai Comuni",

Il Presidente Cpel Franco ManesIl Presidente Cpel Franco Manes

Alla vigilia del 74° anniversario della nascita della Repubblica italiana, il presidente del CelvaFranco Manes, sottolinea l’importanza di questa celebrazione per gli Amministratori dei Comuni valdostani.

“Il 2 giugno di quest’anno ricorre in un momento storico che nessuno si sarebbe mai immaginato. La vicinanza dei cittadini alle Istituzioni e l’appartenenza alla Patria sono oggi quanto mai difficili da rendere tangibili, ma, allo stesso modo, nel momento della difficoltà abbiamo toccato con mano che possiamo essere comunità anche a distanza. La Festa della Repubblica deve allora essere per noi un momento di analisi e riflessione nei confronti di quanto di chiedono i nostri cittadini: concretezza, presenza e moralità. Perché i nostri Comuni onorano la Festa della Repubblica, attraverso l’impegno comunitario dei cittadini, degli Amministratori e dei tanti volontari, figure troppo spesso dimenticate”.

A dirlo, durante il 74° anniversario della nascita della Repubblica italiana, il Presidente del Celva Franco Manes.

Una festa da celebrare, senza dimenticare che i Comuni sono la “struttura” stessa della Repubblica.

Prosegue infatti il Presidente Celva: “Oggi ricordiamo i sacrifici e gli sforzi di coloro che hanno fortemente voluto la nostra Costituzione e rispettiamo le scelte che sono alla base del nostro vivere comune, ma come Sindaci pretendiamo che lo Stato non accentri poteri e funzioni, ma applichi pienamente quanto contenuto nel dettato costituzionale riguardo alle Istituzioni locali.”

L’Italia – si legge nella nota del Consorzio degli enti locali – è il paese dei piccoli Comuni. Sono ben 5.552 quelli al di sotto dei 5 mila abitanti, e che rappresentano quasi il 70% della totalità. Sono questi i Comuni che custodiscono circa il 90% dei prodotti enogastronomici tipici italiani e la maggior parte delle nostre bellezze culturali, architettoniche e paesaggistiche.

“È questa la Repubblica che vogliamo – chiude Manes -: l’Italia dei piccoli, delleterre alte’, dei borghi. Per questo motivo, in questo giorno di celebrazioni, chiediamo al Governo nazionale e alle Regioni di cambiare marcia, ridando dignità ai Comuni, garantendone l’autonomia d’azione, prevista dalla legge, e l’autonomia identitaria che ne costituisce il carattere distintivo. Ai Sindaci deve essere garantito il ruolo di primo presidio istituzionale del territorio, attraverso strumenti e modalità di azione puntuali ed efficaci, superando procedure che si vorrebbero trasparenti, ma che nei fatti ingessano solo il Sistema Paese”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Un commento su “2 giugno, l’appello del Celva: “Si dia dignità ai Comuni””

  • mario 1959 says:

    ACCORPARE i comuni avrebbero comunque dignita’ e la REPUBBLICA risparmierebbe
    ad esempio gli stipendi di molti sindaci che non molto tempo fa’ zitti-zitti si sono
    aumentati nonostante la situazione non certo rosea

Commenta questo articolo