Politica

Ultima modifica: 25 Aprile 2019 18:38

Arco di Augusto, presentato il quesito referendario per riaprirlo al traffico

Aosta - Il quesito per il referendum, che chiede di riaprire l'area al transito dei veicoli "fino al completamento di ogni attività finalizzata alla pedonalizzazione" è stato presentato oggi, a firma di 10 cittadini aostani.

Tetris Arco dAugusto EditionArco di Augusto

Così com’è, la “semipedonalizzazione” dell’Arco d’Augusto non va giù a molti. Gli esempi non mancano: dalle numerose iniziative portate in Consiglio comunale dall’opposizione – ma non solo – fino alla doppia petizione, poi confluita in una unica, che chiedeva all’Amministrazione di Aosta di interrompere questa sperimentazione.

Tra le iniziative c’era anche quella, resa nota da una parte della minoranza consiliare, di mettere in piedi un referendum per riaprire la piazza al traffico veicolare, ripristinando de facto la situazione precedente.

Poco meno di un mese e mezzo dopo l’annuncio da parte di Andrione (Lega), Aiello e Caminiti (entrambi nel Misto di minoranza) è stato oggi depositato in Comune il quesito del referendum consultivo (inizialmente c’era indecisione sulla formula da adottare) firmato da Vincenzo Macrì, Erik Sader e Massimo De Riccardis, e la domanda è secca: “Siete favorevoli alla riapertura completa della viabilità attorno l’Arco d’Augusto, quale era prima degli interventi attuali di semipedonalizzazione, fino al completamento di ogni attività finalizzata alla pedonalizzazione dell’area così come indicata dal PGTU (il Piano generale del traffico urbano, ndr.) approvato nel 2011?”.

A corollario del documento, protocollato dagli Uffici comunali, la firma di altri sette cittadini, oltre i tre presentatori principali.

La palla passa ora al Sindaco di Aosta Fulvio Centoz che dovrà nominare una commissione tecnica formata da tre componenti che dovranno valutare l’ammissibilità del quesito in un tempo massimo di 90 giorni. Nel caso il documento sia ammissibile serviranno 1.500 firme da depositare in Comune, da raccogliere anche in questo caso in 90 giorni.

7 commenti su “Arco di Augusto, presentato il quesito referendario per riaprirlo al traffico”

  • Gunther Schmidt says:

    Giusto! Bisogna riaprire al traffico e al parcheggio libero anche via Sant’Anselmo e Piazza Chanoux.

    Il nostro modello devono essere le ordinatissime città calabre ricche di turismo, di intellettuali e instancabili lavoratori.

  • Una delle poche cose sensate fatte dal sindaco centoz.. E poi che bello vedere le scolaresche sotto l arco a fare le foto. Avete rotto le palle ..cosa costerà fare due passi a piedi ..

    • Gunther Schmidt says:

      Credo che sia anche necessario procede all’asfaltatura di tutte le vie del centro e al taglio degli alberi per accomodare piu’ macchine e dehors selvaggi. A noi in Calabria le città piacciono cosi’: una piastra di cemento senza regole e senza legge dove poterci fare i fatti nostri.

  • Ma chi propone questo stupido referendum ha proprio tempo da perdere…ma vi rendete conto di come è cambiata in meglio la piazza…non si può correre dietro a quattro politici che non pensano al benessere di tutti ma solo alle proprie battaglie personali….brava amministrazione comunale per aver avuto il coraggio di iniziare e spero anche di finire l’opera…mi raccomando non tornate indietro!!!!

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>