Politica di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 22 Maggio 2019 15:37

Ciclabile di Aosta, gli espropri nel 2020. Intanto la Plaine dice “sì” a “Boudza-té”

Aosta - Per "Aosta in bicicletta" potrebbe essere la volta buona. A luglio il Progetto preliminare sbarcherà in Commissione, a marzo 2020 cominceranno le procedure di esproprio. A spiegarlo in Consiglio l'Assessore Paron.

Ciclabili - CharvensodLa ciclopedonale lungo Dora - immagine d'archivio

Aosta in bicicletta”, forse è la volta buona. Per l’annoso progetto di rete ciclopedonale del Capoluogo – che ha alle spalle un finanziamento europeo da 3 milioni di euro complessivi – è il caso di dire che “qualcosa si muove”.

A chiedere lumi, questa mattina in Consiglio comunale, è stata un’interpellanza a firma degli esponenti di Rete civica Giuliana Lamastra, Loris Sartore e Gianpaolo Fedi e presentata da quest’ultimo.

In risposta l’Assessore alla Mobilità Andrea Edoardo Paron fornisce qualche data: “Siamo in linea con il cronoprogramma – ha spiegato – che vede la consegna del Progetto preliminare a metà giugno 2019. Per gli espropri ed i passaggi c’è una conferma, ed il Progetto definitivo per la pubblica utilità è previsto per marzo 2020, quando comincerà la procedura di espropriazione. Assieme al Sindaco e all’Assessore ai Lavori pubblici intendiamo presentare in Commissione il Progetto preliminare su tutte le piste ciclabili della città ad inizio luglio”.

Nella direzione giusta, secondo Paron, anche la questione economica: “Credo che siamo nel giusto binario – spiega -, stiamo correndo e rispettando i programmi condivisi con il Comitato di pilotaggio. C’è un clima positivo anche con l’Assessorato regionale che comprende sia gli Affari europei sia i trasporti, permettendoci di dialogare con un unico interlocutore e ad avere un progetto integrato anche quelli che toccano i confini di Aosta”.

Risposta che vede Fedi scettico sui tempi illustrati: “Per le procedure di esproprio il mese di marzo 2020 è il peggiore perché di lì a poco ci saranno le Elezioni comunali e quindi la possibilità seria che il percorso si interrompa lì e che dovrà essere ripreso poi da qualcun altro”.

La Plaine dice “sì” al progetto “Boudza-té”

Partito da Charvensod il progetto “Boudza-té”, che spinge ad andare a lavorare in bicicletta in cambio di “buoni spesa” è sbarcato al Conseil de la Plaine – favorevole all’iniziativa – che coinvolge Aosta ed i comuni limitrofi.

Dopo Charvensod – con un numero di utilizzatori tra i 40 e i 50 – e la recente adesione di Gressan il progetto ora si apre ad una possibilità di sviluppo ulteriore.

A rendere nota la decisione dell’assemblea intercomunale è stato il Sindaco del Capoluogo Fulvio Centoz che questa mattina, in Consiglio comunale ha spiegato: “Abbiamo tutti condiviso la bontà del progetto e la necessità di sollecitare Regione perché si attivi in proposito, visto che aveva già approvato a sua volta una mozione facendosene portatrice. Il Sindaco Borbey ha fatto un resoconto del progetto a Charvensod, una situazione sperimentale più fattibile per un piccolo comune che fornisce un buono da utilizzare nelle attività commerciali del territorio che hanno aderito e avvalendosi del sostegno della Pro loco. Per Aosta è un più problematico e dobbiamo ragionare su come strutturarlo”.

In questo senso, continua il Primo cittadino, l’Amministrazione regionale dovrebbe avere il ruolo chiave”, la leva di sblocco.

“L’intendimento – chiude Centoz – è quello di trasmettere il verbale del ‘Conseil’ alla Regione per sollecitare una presa in carico come ‘ente regia’, anche a livello finanziario. In un Comune più piccolo ci si può appoggiare sui volontari delle Pro loco, ma a noi serve uno strumento più idoneo che potrebbe essere di supporto anche ai comuni limitrofi, mentre per quelli più lontani da Aosta come Nus, o anche Saint-Pierre e Sarre sarebbe utile avere strutture che consentano di arrivare in città in bicicletta con più sicurezza”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo