Elezioni, Lega Nord: “Rollandin ha sbagliato tempi e scelte”

Sull'insediamento domani del nuovo consiglio la Lega sottolinea come i suoi rappresentanti "rappresentano finalmente quell’unico elemento di discontinuità che emerge in uno scenario permeato da personaggi camaleontici".
Nicoletta Spelgatti, Lega Nord
Politica

"Oltre alla conferma schiacciante ( nonostante la presenza di traditori ) del buon governo del Presidente Luca Zaia in Veneto, la Lega Nord è stata determinante per l’affermazione di Giovanni Toti in Liguria mentre, quasi ovunque ove si è presentata, ha moltiplicato in maniera esponenziale i propri voti nel solco di quanto è avvenuto tre settimane fa anche in Aosta". Così in una nota la Lega Nord Valle d’Aosta esprime soddisfazione per il risultato elettorale. 

"Nelle regioni del Nord ed anche del Centro le nostre liste e i nostri candidati hanno dimostrato di rappresentare ormai a livello nazionale il punto di riferimento dell’area federalista e di centrodestra, contraria alle sinistre, che costituisce la maggioranza degli italiani" scrive il movimento non risparmiando critiche al Presiente dela Regione "presente ed imperante nella politica valdostana da 40 anni, ha ritenuto di voler ammiccare alla sinistra renziana con una cinica disinvoltura all’unico e solito scopo di rinsaldare la propria poltrona ma, questa volta, ha sbagliato tempi e scelte e ne pagherà presto le conseguenze politiche".

Infine sull’insediamento domani del nuovo consiglio la Lega sottolinea come i suoi rappresentanti "rappresentano finalmente quell’unico elemento di discontinuità che emerge in uno scenario permeato da personaggi camaleontici, interpreti di una politica che più vecchia non si può. Di fronte ad un consiglio regionale che a due anni dal suo insediamento non vede far altro che lo scorrere del nulla e che incredibilmente non riesce neanche da 4 mesi a rinnovare il proprio Ufficio di Presidenza dimissionario per esclusivi interessi e calcoli di poltrone incrociate, la Lega Nord, con lo stesso spirito di controllo, di proposta e di responsabilità politica dimostrata a livello nazionale, intende rappresentare fin da ora il punto di riferimento per tutti coloro che vogliono che la Valle d’Aosta diventi libera, intraprendente ed autonoma nel vero senso della parola".
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica