Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 31 Luglio 2020 12:48

Elezioni regionali, Adu VdA torna a chiedere la doppia preferenza di genere

Aosta - "Le nostre proposte, compresa la doppia preferenza di genere, sono state bocciate dalle varie maggioranze che si sono alternate al potere e persino sacrificate, nel nome di un cinico governismo, dal gruppo di Riccarand e Bertin. "

Carpinello-Pulz-Cheillon (Large)Carpinello-Pulz-Cheillon

“Chiediamo con forza che le prossime elezioni regionali valdostane prevedano la doppia preferenza di genere, anche a costo di invocare l’intervento sostitutivo del governo della Repubblica italiana”. E’ quanto scrive la consigliera regionale di Adu Vda, Daria Pulz e i due portavoce Jeanne Cheillon e Alexandre Glarey.

“L’uguaglianza, compresa quella di genere, è uno dei principi fondanti di ADU.  – sottolinea il movimento – Le nostre proposte, compresa la doppia preferenza di genere, sono state bocciate dalle varie maggioranze che si sono alternate al potere e persino sacrificate, nel nome di un cinico governismo, dal gruppo di Riccarand e Bertin. Per contrastare le mafie abbiamo già lo spoglio centralizzato. Senza un’educazione culturale, senza l’obiettivo dell’uguaglianza, il richiamo alla legalità è solo vuota retorica. Non a caso uno degli indagati nelle ultime inchieste sul malaffare politico in Valle ha dichiarato “io non voto le quote rose”.

 

Un commento su “Elezioni regionali, Adu VdA torna a chiedere la doppia preferenza di genere”

  • e vai che ci risiamo con le quote rose…………….a proposito di presunta MAFIA la Carcea assessore comunale di Saint pierre non era una donna ????….cambiate registro grazie

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>