Politica

Ultima modifica: 2 Maggio 2019 9:26

+Europa, i candidati Stefano Morcelli e Giulia Pastorella domani sul Monte Bianco

Aosta -  "E' un gesto simbolico - spiega Giulia, che assieme a Stefano ha incontrato nel pomeriggio di oggi ad Aosta i giornalisti  - per ricordare che le frontiere devono essere come le porte dell’Europa, qualcosa che ci connette al resto dell’Europa. Le recenti polemiche e le scaramucce con i francesi, ci ricordano che i rapporti con i nostri vicini sono importantissimi". 

Stefano Morcelli e Giulia PastorellaStefano Morcelli e Giulia Pastorella

Dopo aver percorso in sella alla sua bici 1500 Km, con 14mila metri di dislivello, Stefano Morcelli, candidato nella circoscrizione Nord-Ovest alle prossime elezioni europee per +Europa, tenterà domani assieme all’altra candidata Giulia Pastorella di scalare il Monte Bianco. L’idea è di arrivare sul tetto d’Europa e sventolare li la bandiera dell’Unione Europea, per ricordare l’importanza del progetto europeo per tutti gli stati.

“E’ un gesto simbolico – spiega Giulia, che assieme a Stefano ha incontrato nel pomeriggio di oggi ad Aosta i giornalisti  – per ricordare che le frontiere devono essere come le porte dell’Europa, qualcosa che ci connette al resto dell’Europa. Le recenti polemiche e le scaramucce con i francesi, ci ricordano che i rapporti con i nostri vicini sono importantissimi”.

32 anni, Giulia Pastorella nel 2016 è stata selezionata da Forbes come una dei 30 più influenti under-30 in Europa nel campo di law & policy. Ha un PhD in Affari Europei dalla London School of Economics, presso la quale ha anche insegnato, e una laurea in filosofia e letteratura francese a Oxford. Ha insegnato a Sciences Po a Parigi. E’ membro del Consiglio Direttivo di +Europa Bruxelles e coordinatrice del gruppo tematico +Europa 4.0 Innovazione Formazione e Ricerca.

“Il mio messaggio è un’Europa per scelta volontaria, non solo per chi come me se ne va – dopo Londra e Parigi ora lavoro a Bruxelles – ma anche per quelli che restano, che sia una scelta consapevole per i giovani, e per le giovani donne in particolare”.

Europa che, a detta della ragazza, “ha ancora un’integrazione parziale. Noi di +Europa siamo convinti, come il nome del partito suggerisce, che +Europa sia la soluzione, nel campo democratico, dell’interazione fra cittadini e istituzioni, ci vuole più Europa sul locale, spesso nelle comunità piccole non si percepiscono i benefici dell’Europa, ci vuole più Europa nella gestione di crisi o emergenze che sono più grandi degli Stati in azione”.

 Stefano Morcelli e Giulia Pastorella
Stefano Morcelli e Giulia Pastorella

Stefano Morcelli, 27 anni, ha iniziato l’8 aprile scorso un viaggio lungo l’arco alpino in sella alla sua bici. Fabbro di professione, vive e lavora a Sondrio. “Vivendo il territorio  montano ho avuto la fortuna di innamorarmene.   – racconta il ragazzo – Per la montagna c’è molto da fare dal punto di vista politico. La politica nazionale non se ne occupa”. Fra i temi portati avanti nella sua campagna la sostenibilità ambientale, l’immigrazione, il lavoro artigianale. “La mia candidatura è diversa – spiega Stefano – Non ho avuto la possibilità di fare degli studi universitari, faccio il fabbro e vivo quotidianamente le difficoltà del lavoro artigianale. Oggi ne ho avuto un esempio concreto in un albergo di Cervinia. Non trovavano un manutentore per sistemare un portone e gliel’ho aggiustato io”.

Stefano Morcelli
Stefano Morcelli

+Europa, nata come lista elettorale per le elezioni politiche 2018, è un partito liberale a vocazione europeista fondato dai Radicali Italiani (in particolare da Emma Bonino), da Centro Democratico (di Bruno Tabacci), e da Forza Europa (di Benedetto Della Vedova, l’attuale segretario di +Europa).

0 commenti su “+Europa, i candidati Stefano Morcelli e Giulia Pastorella domani sul Monte Bianco”

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>