Politica

Ultima modifica: 28 Maggio 2019 9:51

Europee, Rete Civica: “Necessario costruire un polo democratico e progressista”

Aosta - Le due liste, i cui programmi il movimento ha contribuito a far conoscere (Europa Verde e Più Europa) ottengono in Valle rispettivamente il 4,6% ed il 3,7 %.

Consiglio Regionale Chiara Minelli Alberto BertinConsiglio Regionale Chiara Minelli Alberto Bertin

“Notevole e preoccupante” il successo della Lega Vda, “clamoroso” il fallimento del polo autonomista e “confortante la ripresa” del Partito Democratico. E’ il commento di Rete Civica al voto valdostano sulle elezioni europee.

Ricordando come la “temuta consistente avanzata di forze nazionaliste e antieuropeiste è rimasta circoscritta a alcuni Paesi (Italia, Francia, Gran Bretagna, Ungheria)” Rete Civica sottolinea come le due liste, i cui programmi il movimento ha contribuito a far conoscere (Europa Verde e Più Europa) ottengono in Valle rispettivamente il 4,6% ed il 3,7 %, nel complesso 3 punti percentuali in più che a livello nazionale. “Marginale il risultato di La Sinistra che si ferma al 2,6%”.

Sul futuro Rete Civica evidenzia come la “domanda di cambiamento che emerge dal voto evidenzia due priorità: da una parte il rinnovato bisogno della costruzione in Valle di un polo democratico e progressista che sia alternativo sia alla destra leghista sia al confuso polo che si è definito “autonomista”; dall’altra, l’urgenza di riforme che cambino in profondità il sistema istituzionale valdostano”. In particolare il movimento evidenzia la necessità di adottare un nuovo sistema elettorale. 

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>